top of page

Scalea, treni ad alta velocità e tribunale: necessario discuterne in consiglio

Aggiornamento: 28 nov 2023

Il gruppo di opposizione "Per Scalea" ha fatto richiesta di un consiglio comunale per affrontare le questioni della nuova linea ferroviaria ad alta velocità e del tribunale



SCALEA – 15 nov. 21 - Il gruppo di opposizione “Per Scalea” ha inviato una richiesta di convocazione di un consiglio comunale per affrontare la problematica sulla questione dell’alta velocità ferroviaria e sulla possibile riapertura della sezione distaccata del tribunale. Due tematiche sul tavolo da tempo.

Il gruppo di opposizione, formato dai consiglieri Angelo Paravati, Raffaele D'Anna, Francesco Silvestri, Giovanna Versace, chiede all'assemblea di volersi determinare in ordine alle fondamentali questioni della nuova linea di alta velocità ferroviaria, che al momento sembrerebbe prevedere l’esclusione di tutta la costa tirrenica; ed anche sull’impegno da profondere per la possibile riapertura della sezione distaccata del tribunale secondo di dettami del D.L. 2139/21. “L’iniziativa – scrivono dal gruppo di opposizione - ha l’obiettivo di unificare le forze politiche della città per obiettivi di grande interesse collettivo, sia locale che territoriale. La natura delle questioni da trattare richiede, naturalmente, il coinvolgimento di tutte le parti ed associazioni interessate, che noi auspichiamo sin d’ora, affidandoci alla sensibilità dell’amministrazione per una collaborazione ampia, intensa e proficua”.


Sul tema della riforma della geografia giudiziaria, si ricorda che il DL “delega al Govemo la riorganizzazione della distribuzione territoriale degli uffici giudiziari al fine di garantire quella giustizia di prossimità soppressa dall'intervento di revisione dei tribunalini, com'è accaduto per la sezione di Scalea, e tale delega costruisce una seria occasione per la nostra città per provare a recuperare la sede di tribunale soppressa nel 2013”. E poi la fondamentale questione della “progettazione della nuova rete ferroviaria ad alata velocità Salerno-Reggio Calabria, che RFI intende presentare in questo mese di novembre e che, secondo le anticipazioni, dovrebbe tagliare fuori tutta la costa tirrenica a partire proprio da Scalea. Su tale punto occorre dare doveroso riscontro a quanto sollecitato all'amministrazione dall'Unione delle Associazioni della Riviera dei Cedri e del Pollino, in persona del coordinatore Ettore Simone Durante con nota del 25 ottobre indirizzata al sindaco ed al presidente del consiglio comunale di Scalea”. L'obiettivo è che il Consiglio comunale si determini per dichiarare la forte contrarietà di Scalea rispetto ad ogni progettazione della nuova rete ferroviaria ad alta velocità, Salerno-Reggio Calabria, da parte di RFI nella parte in cui la nuova rete da realizzare differisca dal tracciato ferroviario attuale e preveda l'esclusione della città di Scalea e della costa del Tirreno cosentino.



Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page