Scalea, stipendio dei lavoratori a rischio: i sindacati Uil e Cgil scrivono al comune e all'ecoross

SCALEA – 9 mag. 20 - Dopo l'allarme lanciato ieri su possibili ritardi nel pagamento degli stipendi dei dipendenti della società Ecoross, intervengono i sindacati. Pare che la questione sia riconducibile al mancato pagamento da parte dell'amministrazione, commissariata di Scalea, di quanto dovuto all'azienda che ha in appalto il servizio. I sindacalisti, Luciano Campilongo della Uil zonale, e Vincenzo Casciaro della Fp Cgil, hanno inviato una comunicazione al commissario straordinario del comune, alla società Ecoross, al prefetto di Cosenza. L'oggetto, riguarda i pagamenti delle retribuzioni aprile 2020 per i lavoratori addetti al servizio di igiene ambientale. Le organizzazioni sindacali, Cgil e Uil, esprimono forte preoccupazione per la difficoltà, paventata dalla società, di poter far fronte al pagamento delle retribuzioni per tutti i lavoratori dipendenti del cantiere di Scalea, in conseguenza del mancato pagamento delle fatture relative alle mensilità di gennaio, febbraio, marzo e aprile 2020. Quindi è una catena, e a pagare è come sempre l'anello più debole. Campilongo e Casciaro scrivono: “Considerato che le retribuzioni, già maturate, relative al mese di aprile 2020, devono essere corrisposte entro il 15 di maggio, così come previsto dal vigente Contratto nazionale; e che la società Ecoross rappresenta la necessità di acquisire la liquidità necessaria a potervi far fronte; tanto premesso, con la presente stiamo a sollecitare l'immediata liquidazione delle fatture a favore della società appaltatrice del servizio di Igiene ambientale per conto di codesto Ente, allo scopo di consentire il regolare pagamento degli stipendi a favore dei

lavoratori interessati”. I sindacalisti Casciaro e Campilongo avvertono, fra l'altro, che: “anche in questo difficile momento di pandemia, i lavoratori hanno continuato a prestare il proprio servizio con abnegazione e nella piena consapevolezza che il benessere della collettività, mai come in questi difficili momenti, dipende anche dalle migliori condizioni igienico-sanitarie del territorio. Riteniamo pertanto che il sacrificio dei lavoratori debba essere apprezzato e riconosciuto, favorendo quanto più possibile la puntualità dei pagamenti delle retribuzioni correnti”. I sindacalisti inviano un messaggio anche alla società Ecoross. Sollecitano l'azienda: “ad individuare ogni possibile

soluzione, al fine di favorire il puntuale pagamento delle retribuzioni. Si informa – concludono - che, in caso di ingiustificato ritardo nei pagamenti e nonostante il presente appello rivolto alle parti, dal 16 maggio le organizzazioni sindacali si riterranno libere di agire, intraprendendo ogni azione ritenuta utile, compresa la proclamazione dello stato di agitazione”.

220 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)