Scalea, sabotaggio alla rete idrica comunale. Chiusa la Saracinesca. Indagini in corso

SCALEA – 27 giu. 20 - Manca l'acqua nella zona di località Petrosa, ma a quanto pare potrebbe esserci la manina di qualcuno che punta per qualche motivo sconosciuto a destabilizzare.

Sono in corso le indagini della polizia locale di Scalea che, da quanto si è appreso, si è attivata subito dopo aver ricevuto diverse segnalazioni. Nella mattinata l'erogazione di acqua si è completamente sospesa, a partire dalle 8.00.


Pare che sia stato già verificato un sabotaggio alla saracinesca che permette l'afflusso dell'acqua. Si cerca di individuare eventuali fonti di prova per poter identificare la persona che ha materialmente effettuato la chiusura della saracinesca, situazione che non può verificarsi se non con la mano dell'uomo. La polizia locale, coordinata dal comandante Adriano Serra, ha avviato l'attività di indagine. Intanto il flusso dell'acqua è stato ripristinato.

IL COMUNICATO DEL COMMISSARIO FRANCESCO MASSIDDA

Il commissario straordinario, Massidda, ieri aveva diffuso una nota sulla situazione di carenza d'acqua che si verifica in alcune zone della città. Già ieri sono scattati i controlli effettuati personalmente dal commissario, Francesco Massidda, alla presenza di personale del ruolo tecnico del comune, direttamente ai serbatoi destinati alla fornitura d’acqua dell’intera città. “In entrambi i casi – scrive Massidda - l’accumulo dell’acqua è risultato in corso, nel secondo caso senza scostamenti significativi rispetto alla fornitura contrattualizzata, mentre nel primo caso, il serbatoio destinato a rifornire le zone alte della città, il pur non irrilevante flusso non riusciva a garantire il sollecito riempimento delle vasche”.

Massidda fa sapere di aver avviato con la Sorical “una complessa interlocuzione, sia sotto il profilo strettamente tecnico che sotto quello tributario. E' emersa in tutta evidenza – scrive - la circostanza di un fenomeno di dispersione idrica, che può essere fronteggiato solo con il richiamo ad autodisciplina della cittadinanza, evitando sprechi e consumi eccessivi. L’Amministrazione avvia in questi giorni una campagna di controlli per evitare fenomeni di abusivismo nel settore, mediante controlli sull’esistenza, ad esempio, di piscine o eventuali derivazioni abusive d’acqua, che, all’esito, saranno sanzionati nella maniera, molto rigorosa e severa, che il legislatore ha previsto”.

0 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)