• miocomune.tv

Scalea, la prima fermata di Italo, fra la soddisfazione dei cittadini della Riviera dei cedri

Ieri alla stazione ferroviaria di Scalea Santa Domenica Talao , la presenza di circa 200 persone ed il taglio del nastro del treno Italo



SCALEA – 3 lug. 20 - Qualcuno ha criticato la manifestazione, ritenendo che siano azioni d'altri tempi, andare a salutare un treno che si ferma per la prima volta nella stazione di un luogo turistico; altri, invece, hanno sostenuto l'iniziativa, ritenendo che lo sviluppo del turismo non possa prescindere dalla presenza di nuove opportunità nei collegamenti. Nella città dove è stato persino realizzato un aeroporto, non utilizzato per come era stato pensato, le associazioni locali, con un impegno certosino, lontano dagli schemi della politica, hanno costantemente mantenuto i contatti con Trenitalia e con la società privata di Italo per poter ottenere nuove opportunità a beneficio dell'intera comunità. La manifestazione di ieri pomeriggio, con benedizione compresa, è il coronamento di un lavoro portato avanti nel tempo, che ha dato qualche risultato perchè, checché se ne dica, avvicina la Riviera dei Cedri al resto d'Italia e viceversa, con tempi quasi simili a quelli dell'aereo, se si considera il raggiungimento delle aerostazioni, il tempo di imbarco, e i tempi per raggiungere il centro città dagli aeroporti. Il coordinamento delle associazioni ha espresso soddisfazione per la presenza di tanti cittadini, circa 200 persone, che ieri hanno voluto salutare la “novità”. “Un risultato – sottolineano i promotori - ottenuto grazie all'unione di circa 60 realtà tra enti, accademie, consorzi, pro loco ed associazioni varie di tutto il comprensorio coordinate da Ettore Durante, che hanno interagito con la società Italo-Nuovo Trasporto Viaggiatori alla quale va un sentito ringraziamento per aver valutato seriamente l'istanza. Non una festa, ma un momento per sentirsi comunità e per promuovere il nuovo servizio che collegherà velocemente e senza cambi la Riviera dei cedri con Salerno, Napoli, Roma, Firenze, Bologna, Reggio Emilia, Milano e Torino.



Porterà sviluppo non solo a Scalea ma a tutta la zona, ecco perché il territorio é stato così unito”. La stazione di Scalea è quella che logisticamente riesce a servire meglio il territorio. Starà all'intelligenza e alla forza delle amministrazioni comunali poter anche organizzare bus navetta da e per la stazione ferroviaria. Ricorrendo ieri la festa della Madonna delle Grazie, il Vescovo della diocesi Leonardo Bonanno non é potuto essere presente ma ha delegato Mons. Cono Araugio per il rito di benedizione, avvenuto dopo che il treno ha tagliato il nastro tricolore. Hanno preso parte anche altri sacerdoti di tutto il comprensorio: il Can. Don Antonio Pappalardo, Don Giacomo Benvenuto, Don Ezio Saporito, Don Miguel Angel Arenas, Don Michele Coppa e Don Salvatore Vergara.

Nonostante l'orario e le alte temperature erano presenti il consigliere regionale Antonio De Caprio già sindaco di Orsomarso, Francesco Galati delegato dal Commissario prefettizio del comune di Scalea Francesco Massidda, i sindaci di Praia a Mare, San Nicola Arcella e Sangineto Antonio Praticò, Barbara Mele e Michele Guardia i vice sindaci di Tortora, Papasidero, Diamante e Santa Domenica Talao, Filippo Matellicani, Mario Marsiglia, Pino Pascale e Raffaele Pandolfi, l'assessore ed il consigliere comunale di Belvedere Vincenzo Cristofaro e Stefania Scoglio. Alla cerimonia hanno presenziato la Polizia Locale, i Carabinieri e la Guardia Costiera.

0 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)