Cerca

Scalea, l'ex consigliere Bergamo chiede maggiori informazioni sulla situazione al commissario

SCALEA – 26 mar. 20 - Controlli sulle eventuali presenze di cittadini non residenti; più notizie sull'ordinanza che prevede la quarantena obbligatoria per un numero imprecisato di persone; più informazioni ai cittadini. Sono alcune delle questioni sollevate dall'ex consigliere Alessandro Bergamo che si rivolge al commissario prefettizio. “Sul Quotidiano del Sud – scrive Bergamo - è riportata la notizia che il sindaco di Praia a Mare ha emanato 160 ordinanze di quarantena obbligatoria per lo più nei confronti di persone provenienti da altre regioni e proprietari di seconde case che si sono "rifugiate" nel suo comune. Stessa cosa e con caparbietà e determinazione stanno facendo i suoi colleghi di Santa Maria del Cedro e di Diamante. Evidentemente si tratta di soggetti che al loro arrivo non si erano registrati e quindi l'amministrazione comunale e le forze dell'ordine hanno condotto le indagini per rilevare la presenza di queste persone. Siccome da più parti, da circa dieci giorni, si è chiesto lo stesso provvedimento al commissario prefettizio, e dal momento che non arriva alcun tipo di risposta o informazione, vorrei sapere se anche il comune di Scalea si è messo all'opera in questo senso”. Poi l'ex consigliere Bergamo fa riferimento all'ordinanza di lunedì scorso del commissario prefettizio di Scalea. In quell'atto vengono sottoposti a quarantena obbligatoria alcuni soggetti. Si fa riferimento ad un elenco di persone provenienti da aree a rischio epidemiologico, trasmesso dal Dipartimento della salute Pubblica della Regione Calabria, Asp Cosenza area nord Scalea. “Il documento – commenta Bergamo - a me non sembra molto chiaro, perchè non si conosce il numero di queste persone e da chi e come siano state individuate per cui sarebbe necessaria una più dettagliata informazione sull'attività di indagine svolta dalla nostra polizia locale unitamente alle altre forze dell'ordine”. Ulteriore richiesta, riguarda eventuali agevolazioni per i cittadini. “Sarebbe opportuno – scrive - essere informati se anche il comune di Scalea, in questo caso l'ufficio tributi, si sia allineato con gli ultimi provvedimenti del presidente del Consiglio dei ministri in tema di alleggerimento della fiscalità, relativamente alla opportunità, in questo difficile e pericoloso periodo, di sospendere le richieste di pagamento di eventuali tributi comunali e rinviarle magari a dopo il periodo estivo, sempre che questo non sia compromesso dal difficile momento che stanno subendo e subiranno le attività produttive sia annuali che stagionali. Per far fronte all'esigenza di informazione, assolutamente necessaria dei cittadini di Scalea che chiusi nelle case sembra vivano in un limbo di isolamento surreale, mi permetto di suggerire al dott. Guetta di dotarsi di un responsabile della comunicazione”.

640 visualizzazioni