Cerca

Scalea: «Da altri solo promesse elettorali»

Il candidato alla regione M5S, Nicholas Rinaldi, interviene in vista dell'appuntamento elettorale


SCALEA – 15 gen. 20 - Nicholas Rinaldi, candidato con “Calabria Civica, Aiello Presidente” del movimento cinque stelle ha programmato tre appuntamenti per venerdì 17 gennaio. A partire dalle ore 11.00 sarà sul lungomare di Scalea, al lido Da Pietro; alle 12.30 a Papasidero nella sala comunale; alle 15.00 a Tortora al Gino's american bar. Parteciperanno il candidato presidente Francesco Aiello ed il deputato M5S, Alessandro Melicchio. Intanto Nicholas Rinaldi rende noto il suo pensiero in merito agli obiettivi della politica che non devono essere d'ostacolo al cittadino. «Non è tollerabile – scrive Rinaldi - il susseguirsi di promesse elettorali sul territorio dell’alto Tirreno cosentino. Se da un lato, la Regione si è nascosta dietro ad un dito, ovvero il commissario ad acta per la sanità sulla questione dell’ospedale di Praia a Mare, dall’altro, resta assente un programma regionale per il crescente bisogno di infrastrutture e miglioramento della rete dei trasporti per un’area turisticamente trainante come l’alto Tirreno cosentino. Sempre più spesso, solo le iniziative dei cittadini sono riuscite a dare soluzione ad annosi problemi sostituendosi di fatto all’insensibilità dell’amministrazione regionale». Nicholas Rinaldi si esprime anche in merito all'impegno politico: «E' chiaro e va verso la valorizzazione del territorio incentivando l’educazione alla salvaguardia ambientale e alla pratica di tutte quelle attività ecocompatibili che sono oggetto di una forte domanda europea nella scelta delle destinazioni turistiche. Viviamo in un concentrato di risorse culturali, paesaggistiche, naturali e sportive che rendono questo territorio, questa regione, invidiabile da tutto il mondo. Oltre 10 milioni di europei scelgono la meta delle proprie vacanze in base alla possibilità di praticare sport leggeri come il trekking in luoghi naturalmente validi e che possano offrire un valore storico culturale. A mio avviso, il nostro territorio, resta sempre al palo per l’incapacità di creare relazioni e sinergie per far sì, che una millenaria storia regionale, di risorse agroalimentari uniche, peculiarità ambientali e le tradizioni possano divenire un indiscutibile offerta turistica in Europa e nel mondo».

234 visualizzazioni