Scalea, cosa c'è sotto la discarica di Piano dell'Acqua. C'è l'interesse dell'assessore "Ultimo”

In consiglio comunale, il sindaco Giacomo Perrotta, nel suo intervento parla della discarica di Piano dell'acqua, di ambiente e tributi


SCALEA – 19 feb. 21 - Ieri pomeriggio, il consiglio comunale ha riaperto il dibattito sulla questione dell'aumento dei tributi. Un argomento, oggetto di discussione da tempo. Un attacco mirato da parte del gruppo di opposizione “Per Scalea” sul quale riferiremo prossimamente. Ma alcuni spunti di discussione, certamente, verranno fuori dalle comunicazioni che il sindaco Giacomo Perrotta si riserva alla fine del consiglio comunale, che, come è noto, non prevedono discussione. Oltre alla questione della Tari, in riferimento all'argomento dei rifiuti, il sindaco ha “dissotterrato” una vecchia questione. La discarica di contrada Piano Dell'Acqua, secondo voci popolari di vecchia data, potrebbe celare eventuali sorprese. Un sito che, come molti ricorderanno, era stato progettato per durare nel tempo, invece, per le “emergenze” di quel tempo venne riempito in breve tempo e andò subito a saturazione. A Piano dell'acqua era stato avviato un progetto di bonifica, ma, ora, il sindaco Giacomo Perrotta, nel suo intervento ha rivelato che si procederà alla bonifica della discarica di Piano dell’Acqua, “con espressa richiesta all’assessore regionale Ultimo, di non procedere a tombare la discarica, ma di verificare cosa è sepolto sotto quel sito”.



Una serie di carotaggi potrebbe dissolvere ogni dubbio sui materiali sepolti da anni a Piano Dell'Acqua. Ma sempre in tema di ambiente, il sindaco ha fatto sapere che: “grazie all’assessore Davide Manco ci stiamo confrontando giornalmente con l’assessorato regionale all’Ambiente per porre rimedio al problema della pulizia mare, del bando rifiuti in scadenza che vedrà l’ausilio del Conai, alla futura adesione di Scalea al Parco Marino, al progetto sull’insabbiamento della Scogliera dell’Ajnella. Con l’Assessore Carrozzini, il consigliere Cirimele e il consigliere Vittorino si sta lavorando alla prossima stagione estiva che, speriamo possa vedere Scalea protagonista con il contributo delle associazioni”.

Ma come accennavamo non è mancato il riferimento a quello che lo stesso sindaco ha definito “il tema più caldo” che molta preoccupazione “sta destando tra la cittadinanza”. Perrotta ha dichiarato: «Comprendo e comprendiamo perfettamente le ragioni del malcontento che molti cittadini hanno manifestato e manifestano circa le tariffe del servizio idrico integrato e per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (Tari). Un disagio giustificato di cui però questa Amministrazione non può essere considerata "colpevole" – ha riferito - bensì posta dinanzi ad una decisione obbligata che chiunque al nostro posto avrebbe dovuto assumere. Stiamo lavorando alacremente per trovare una soluzione al “dovuto” adeguamento tariffario ma non perché come pensa qualcuno, siamo braccati, in difficoltà o per rimediare ad un inesistente errore, bensì perché è una attività preventivata. La conoscenza reale dei costi sia per il S.I.I. che per la TARI si può avere solo a consuntivo dei costi realmente sostenuti e delle economie realizzate e tutto ciò era impossibile conoscerlo in sede di salvaguardia degli equilibri di bilancio che, ricordo, aveva come termine il 30 novembre. Al di là di queste doverose precisazioni, ciò che mi preme di più è rassicurare tutti gli scaleoti sulla nostra volontà di attuare politiche efficaci ed eque, tagliando le spese inutili, impiegando bene i danari pubblici e non faremo figli e figliastri su nessun tema”.



1,477 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)