• miocomune.tv

Scalea, attività consiliari: Silvio Longobucco replica ad Eugenio Orrico

L'esponente dell'opposizione ha prodotto un'interrogazione sui ruoli ricoperti in maggioranza


SCALEA – 3 ott. 19 - Un'interrogazione sull'attività degli assessori e attacchi mirati al consigliere Silvio Longobucco e alla collega Loredana D'Angelo che, di fatto, appoggia il lavoro della maggioranza, con l'obiettivo di operare per il bene della città. Il consigliere Longobucco, come è noto si occupa di sport, turismo e spettacolo. Le deleghe che aveva il consigliere d'opposizione Eugenio Orrico, quando era assessore nella stessa Giunta Licursi, e oggi passato all'opposizione nel gruppo di “Pensiamo a Scalea”. Longobucco, dopo alcuni giorni di silenzio, interviene deciso. «Non ho mai inteso prestare attenzione ad affermazioni prive di contenuto politico che obiettivamente non meritano repliche – afferma Longobucco -; ma questa volta ho sentito l’esigenza di replicare perché è palese una patina di cattiveria che sinceramente nulla ha a che fare con il mio modo di interpretare la politica al servizio dei cittadini. Attacchi gratuiti alla mia persona e alla collega D’Angelo, ‘bombardata’ di telefonate. Quest'ultima avrebbe l’unica ‘colpa’ di aver scelto liberamente di aggregarsi alla maggioranza con l’intento di lavorare con passione e dedizione».


L'attacco al consigliere d'opposizione: «Ritengo che il consigliere Orrico sia un po’ acerbo in politica; da soli tre anni si cimenta e interpreta il ruolo come fosse un professionista. Ma in realtà non è così; si è candidato alla Provincia e ha iniziato a vedere la realtà qual è. Al sottoscritto piace fare politica, (sono venticinque anni) al di là delle nomine o titoli e in questo ambito gli unici che mi interessano sono quelli che ho conquistato sul campo. I cittadini vengono a trovarmi perché mi conoscono, e conoscono il mio impegno. Da quando ho smesso di giocare al calcio, sono ritornato a Scalea mettendomi ai servizio di tutti, per questo non ho bisogno di nomine, forse ne avrebbe bisogno chi, anziché impegnarsi per il paese, pensa a delle bassezze uniche o cerca futili allori consoni agli sconosciuti». Longobucco ripete una frase già detta diverse volte il suo impegno non è per una poltrona o un ufficio; l'obiettivo è lavorare, al di là delle deleghe, ottenendo risultati. E lo stesso Longobucco ricorda il progetto Pegaso per la salvaguardia dei fondali. «Progetto che non è stato mai pubblicizzato a dovere forse volutamente, un lavoro compiuto grazie al geometra Grisolia che mi ha sempre pungolato per far sì che si realizzasse. E poi, il piano spiaggia, approvato tra lo scetticismo generale, il primo di tutti i comuni della provincia di Cosenza». Longobucco e D'Angelo confermano l'impegno per la comunità: «Non per occupare stanze negli uffici, ma per dare risposte ai cittadini». «Il consigliere Orrico – conclude Longobucco - si prodiga a dare consigli, ma non credo sia in grado, anche perché privo di esperienza, oltre che di contenuti e soluzioni. Appena mi sono insediato, ho fatto un giro per gli uffici per rendermi contro della situazione, ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo affrontato l’estate in maniera dignitosa e adeguandoci ai mezzi di cui disponiamo abbiamo allestito un palinsesto di spettacoli di tutto rispetto. Il consigliere Orrico avrebbe voluto realizzare manifestazioni onerose come ad esempio il Giro d’Italia (150 mila euro) o il Canta tu (80 mila euro) che non possiamo permetterci. Mi viene il dubbio se è cosciente della realtà che si vive; non sarebbe stato giusto nei confronti di chi non riesce ad arrivare a fine mese.

Orrico ha sempre criticato tutto. Invece abbiamo allestito spettacoli di lirica, presentazioni di libri, rievocazioni popolari, spettacoli per bambini, tutti eventi che hanno riscosso l’apprezzamento generale di turisti e residenti». Ultima annotazione sul servizio andato in onda qualche settimana fa su Rai uno. «Come opposizione non hanno speso una parola. Io ritengo – conclude Longobucco - che non rispecchi quello che è Scalea dove il mare, la nostra risorsa, è stato apprezzato per le acque cristalline, dove non abbiamo avuto il problema rifiuti, dove ogni sera abbiamo allietato i tanti turisti che scelgono la nostra amata Scalea, luogo di cultura e tradizione che merita rispetto. Quel rispetto che probabilmente qualcuno ignora. Forse perché non nutre in fondo quell’amore che professa, ma solo ambizioni senza gambe che non fanno bene a nessuno».

L'INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE ORRICO

SCALEA – Il consigliere comunale Eugenio Orrico del gruppo consiliare “Pensiamo a Scalea” ha presentato al sindaco l'annunciata interrogazione sull’attività degli assessori. Orrico, nel sottolineare che il sindaco “non ha conferito delega in tutte le materia, ma solo per alcune, trattenendo per sé le altre; che allo stato non si rinvengono atti significativi compiuti dai vari titolari di deleghe; che ciò ha causato e causa una grave carenza di iniziative, se non una certa paralisi, in quasi tutti i campi: dai Lavori pubblici all’Urbanistica, dal Commercio allo Spettacolo, dai Tributi al Turismo, dal Centro Storico alla Viabilità, dall’Ambiente allo Sport, dalla Cultura ai Servizi Sociali, dalla Sanità al Personale” chiede se tutto ciò corrisponda a verità e vuole conoscere le iniziative già eventualmente prese o che si stiano per prendere nei settori e se non ritenga di dover adottare urgenti provvedimenti al fine di dare a Scalea una Giunta con membri di maggiore spessore professionale specialistico, onde anche sopperire alle lacune createsi nell’apparato burocratico a causa della prevista e verificatasi carenza di personale.

0 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)