Scalea, asfalto nuovo, con il gradino e senza attraversamenti pedonali

Le segnalazioni sulla situazione nel centro della città turistica


SCALEA – 4 lug. 20 - Da tempo, i lavori effettuati lungo la Statale 18, nel centro di Scalea, sono oggetto di discussione perchè appaiono incompleti. Il fondo stradale è più basso di qualche centimetro rispetto al resto, in quanto il vecchio asfalto è stato raschiato. Al bordo delle due carreggiate è presente un leggero dislivello di qualche centimetro che, però, viene visto come elemento di pericolo per scooter e ciclisti. Anche per gli stessi pedoni. Ma per questi ultimi sussiste un ulteriore pericolo: la mancanza delle strisce pedonali. Con il “grattamento” dell'asfalto, sono state cancellate del tutto. E non si è provveduto e ridisegnarle con grave situazione di pericolo per quanti attraversano la strada, soprattutto in centro.


C'è chi sostiene che attraversare la Statale 18, che in centro prende il nome di Corso Mediterraneo, sia come sfidare la sorte. E chi si reca in spiaggia lo deve fare almeno due volte al giorno. I sottopassi sono quasi impraticabili. Non è stato mai pensato un attraversamento alternativo con sovrappassi magari studiati in modo da essere compatibili con l'ambiente circostante. Il limite di 50 Km orari spesso non viene rispettato. E, come è noto, gli impianti semaforici in corrispondenza di via Lido all'ingresso della città generano maggior caos con la formazione di lunghe file. Si lamenta il fatto che siano state fatte le strisce provvisorie gialle di mezzeria e non gli attraversamenti pedonali che, forse, sono di competenza comunale. In alcune zone manca anche la manutenzione del verde circostante che contribuisce a rendere più pericoloso l'attraversamento.


984 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)