Santa Domenica Talao, impiegato al comune con mansioni diverse dal suo incarico

Interrogazione del gruppo di opposizione. Il sindaco Lucchesi preannuncia una risposta: «Paolino non conosce gli atti del Comune che ha amministrato»


Il comune di Santa Domenica Talao

SANTA DOMENICA TALAO – 19 ott. 19 - Un dipendente comunale, che secondo il gruppo di opposizione “LiberaMente” avrebbe altre mansioni, sarebbe stato visto alla guida dell'auto del comune. Tale situazione ha generato un'interrogazione dell'opposizione indirizzata al sindaco del Comune di Santa Domenica Talao ed alla Giunta comunale. Situazione smentita dal sindaco Alfredo Lucchesi che ha preannunciato un intervento in merito, «Paolino – ha detto Lucchesi – pur avendo amministrato, non conosce gli atti dell'ente».

“Da alcune settimane il dipendente – si legge nell'interrogazione del gruppo di opposizione - viene visto sempre più spesso alla guida delle auto in dotazione al comune, ovvero le due punto Fiat, accompagnato anche da amministratori comunali”. L'opposizione cita un episodio, in particolare, dello scorso mercoledì quando il capogruppo dell'opposizione, Salvatore Paolino, ha visto alla guida della “Grande Punto” il dipendente con due consiglieri comunali. Il viaggio, ha appreso successivamente Paolino dagli interessati,ha avuto come meta la città di Castrovillari, “per individuare soluzioni alla problematica legata alla presenza, abnorme sul territorio, di cinghiali”. “Premesso che a memoria del consigliere Salvatore Paolino – si legge nell'interrogazione - il dipendente comunale ricopre, in pianta organica, la mansione di netturbino si interroga il sindaco per essere messi a conoscenza dei motivi per i quali il dipendente è sempre più spesso alla guida delle auto del comune; se ricopre ancora la qualifica di netturbino; se è stato, per caso abilitato, qualificato (occorrendone) ed assegnato alla mansione servizio di autista o ad altra mansione. Se, ricorrendo tale ultima ipotesi, si chiede di conoscere gli estremi degli atti con i quali il dipendente è stato assegnato a nuova mansione o servizio; se l’Amministrazione è consapevole, che così facendo e facendo permanere, di fatto, il dipendente in una mansione superiore, espone il Comune alle diverse e legittime pretese, di inquadramento superiore (con relativi aggravi di spese), da parte del dipendente in questione; se vi sono in essere ordini di servizio del sindaco o del responsabile del servizio; se ricorrendo tale ultima ipotesi, sono necessarie variazioni di bilancio onde attribuire la giusta retribuzione contrattuale al dipendente, soprattutto in vista dell’elaborazione del Piano di Riequilibrio di bilancio da approvare”.

587 visualizzazioni