San Nicola Arcella, per i funerali di Irene Trifilio ci sarà lutto cittadino

Aggiornato il: 5 giorni fa

La sindaca di San Nicola Arcella, ricorda la giovanissima studentessa morta nell'incidente di ieri pomeriggio sulla Statale 18: «Una ragazza solare»


SAN NICOLA ARCELLA – 9 gen. 21 - Un dolore immenso per la comunità dell'alto Tirreno cosentino. La cittadina di San Nicola Arcella che si è svegliata con l'assenza per sempre di una giovane studentessa, Irene Trifilio, di soli 19 anni, è sconvolta. L'incidente stradale accaduto ieri, intorno alle 16.30 sulla Statale 18 ha lasciato sul calendario una data triste da ricordare per sempre. La sindaca di San Nicola Arcella, Barbara Mele, ha preannunciato il lutto cittadino per il giorno dei funerali. Intanto, il corpo della studentessa è stato ricomposto, dal servizio funebre Tarallo, nella sala mortuaria del cimitero di Scalea, in attesa che la magistratura, che ha avviato le indagini del caso con la collaborazione dei carabinieri della locale compagnia, dia il via libera per le esequie. Sarà un giorno tristissimo per tutta la comunità dell'alto Tirreno.


«Era bella, solare, amava la vita – scrive la sindaca Barbara Mele - ma la vita nasconde anche orrori inspiegabili e quando se ne percepisce l’immenso dolore si è consapevoli che le parole non bastano per descriverlo. Proclamerò il lutto cittadino il giorno dei funerali per la tragedia che ha colpito tutta la comunità di San Nicola Arcella».

Irene Trifilio, ha perso la vita a soli 19 anni, compiuti lo scorso 22 novembre. La giovane, da quanto si è appreso, si trovava sul sedile posteriore dell'auto, una Renault Twingo bianca, al suo fianco un altro giovane dell'alto Tirreno cosentino. Alla guida dell'automobile un'altra giovane ragazza di Scalea con un coetaneo nel sedile del passeggero. Due ragazzi e due ragazze. La Renault Twingo era diretta verso nord, presumibilmente, i giovani, pare dopo aver trascorso qualche ora insieme, dovevano andare a Praia a Mare.

IL CORDOGLIO DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI

Numerosi i messaggi di cordoglio per la tragedia che ha colpito l'alto Tirreno cosentino. Il sindaco di Santa Maria del Cedro, Ugo Vetere, in un messaggio scrive: “L' amministrazione comunale di Santa Maria del Cedro e la comunità tutta partecipa al dolore della famiglia Trifilio/ Mele per la scomparsa nel tragico sinistro che si è verificato ieri sera in San Nicola Arcella ove ha perso la vita la giovane Irene. Ad Adriano amico sincero e alla famiglia Mele tutta la mia personale vicinanza ed affetto. Il dolore accomuna un territorio. Siamo naturalmente vicini ai ragazzi e alle famiglie degli altri giovani coinvolti nel sinistro”.

Messaggi di cordoglio sono giunti anche dall'amministrazione comunale di Scalea e da quella di Santa Domenica Talao.

Messaggio di cordoglio dal sindaco di Maierà, Giacomo De Marco, e dall'amministrazione comunale. Il padre della giovane Irene è originario di Maierà. “Il nostro paese è affranto dal dolore, la nostra comunità piange per la scomparsa di Irene. Pensiamo al futuro spezzato, ai sogni interrotti e all'immaginabile dolore della famiglia. Non ci sono parole. Ci stringiamo con un forte abbraccio ai genitori, ai nonni, ai familiari”.

Anche l' Amministrazione Comunale di Diamante "partecipa commossa al dolore dei familiari della ragazza morta nell'incidente di ieri a San Nicola Arcella , un evento tragico che turba profondamente l'intero nostro comprensorio”.


I PARTICOLARI DELL'INCIDENTE DI IERI

Un'altra grande tragedia colpisce l'intera comunità dell'alto Tirreno cosentino e ancora una giovane vita viene spezzata su quell'unica lingua d'asfalto nero che collega i paesi della costiera della Riviera dei Cedri e che continua a mietere vittime.

Dopo il lutto di Natale che ha colpito la famiglia di un altro giovane cosentino, vittima di un incidente solitario sulla Statale 18 tra Belvedere Marittimo e Diamante, il doloroso copione si ripete, in un tratto stradale più a nord.

Questa volta sono quattro i giovani coinvolti, tutti del luogo. A perdere la vita, è una giovanissima studentessa di San Nicola Arcella, Irene Trifilio, soli 19 anni, compiuti lo scorso 22 novembre. La ragazza, da quanto si è appreso, si trovava sul sedile posteriore dell'auto, una Renault Twingo bianca, al suo fianco un altro giovane dell'alto Tirreno cosentino. Alla guida dell'automobile un'altra giovane ragazza di Scalea con un coetaneonel sedile del passeggero. Due ragazzi e due ragazze.

La Renault Twingo era diretta verso nord, presumibilmente, i giovani, pare dopo aver trascorso qualche ora insieme, dovevano andare a Praia a Mare. L'auto aveva appena superato il Canal Grande, il viadotto che unisce San Nicola Arcella aalla città confinanate. Lì le auto che vanno verso nord trovano un rettilineo, in discesa. Al termine del viadotto c'è una curva, non molto impegnativa. Un tratto, però, dove sono stati registrati altri incidenti. In quel tratto, l'auto, per cause in corso d'accertamento, ha perso aderenza con l'asfalto.

Forse colpa dell’asfalto bagnato, forse per altre concause che sono al vaglio dei carabinieri, il mezzo è andato a finire sul terrapieno e si è capovolto più volte.

La giovane vittima probabilmente ha battuto il capo sul montante, poi è rimasta bloccata fra le lamiere contorte. Un freddo abbraccio mortale. Non c'è stato nulla da fare. Gli altri giovani sono stati immediatamente soccorsi, da automobilisti di passaggio, e subito dopo dalle ambulanze del 118.

Sul posto, anche i carabinieri della compagnia di Scalea, coordinati dal capitano Andrea Massari, i vigili del fuoco, il personale dell'Anas.

È stata immediatamente disposta la chiusura della strada per poter rimettere in sicurezza il luogo dell'incidente ed il corpo della giovane studentessa in Biologia è rimasto adagiato sul sedile posteriore stretto fra le lamiere contorte, in attesa del via libera del magistrato di turno.

Dopo circa un'ora, i responsabili del servizio funebre Tarallo hanno potuto recuperare il corpo senza vita della studentessa e lo hanno trasportato nella sala mortuaria del cimitero di Scalea, a disposizione della magistratura e in attesa delle decisioni successive. La notizia della morte di Irene Trifilio è rimbalzata subito sui Social fra i giovani coetanei. Grande dolore anche a Maierà, paese d'origine del padre Adriano che, però, vive a San Nicola Arcella.

Il luogo dove è avvenuto l'incidente è stato teatro di un evento con simili modalità. Nel caso precedente però il conducente dell'auto se l'è cavata con qualche escoriazione. Solo due settimane fa, come si ricorderà, un altro giovane, che percorreva la Strada Statale 18 da solo, nel giorno di Natale, è finito fuori strada. Andrea Pisano, anch'egli diciannovenne, è morto sul colpo investito dalla sua stessa auto che ha sfondato il guardrail ed è finita nel terrapieno sottostante.

15,290 visualizzazioni0 commenti
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)