San Nicola Arcella, il palazzo dei principi è tornato al demanio

Siglato a San Nicola Arcella l'atto di restituzione del palazzo dei principi al Demanio



SAN NICOLA ARCELLA – 16 apr. 21 - Come era stato anticipato nei giorni scorsi, il palazzo dei principi di San Nicola Arcella, struttura in una posizione incantevole che domina il Golfo di Policastro, è tornato nella disponibilità dell'agenzia del demanio. L'atto di restituzione è stato sottoscritto nella sede comunale nella giornata di mercoledì, alla presenza delle parti. Sarebbe dovuto diventare il palazzo delle cerimonie, ma, nel tempo, l'amministrazione comunale ha preferito altre iniziative e, in particolare, per cerimonie all'aperto, spesso e volentieri si è scelto di realizzarle nel belvedere, luogo più centrale un “balcone sul golfo”.



Polemico l'intervento del gruppo di Italia nostra che, più volte, ha evidenziato il lento ritorno al degrado della struttura storica. Il 16 aprile del 2014 era stato siglato l’atto di attribuzione e trasferimento a titolo gratuito dal Demanio dello Stato, ramo artistico, storico, archeologico, al Comune di San Nicola Arcella. “Tale trasferimento – ricordano gli ambientalisti di Italia nostra - avveniva sulla base di un accordo di programma di valorizzazione a cui il Comune si impegnava a vantaggio della collettività, approvato in consiglio comunale e sottoscritto tra le parti il 29 ottobre 2013. Le vicende di questo Bene Pubblico sono state alquanto tormentate – racconta Italia nostra -. Non solo il restauro è costato alla collettività decine di miliardi delle vecchie lire, quanto è assurto alle cronache del tempo per indagini ed arresti della magistratura. Ora la mancata realizzazione da parte del Comune di San Nicola Arcella del programma di valorizzazione e ancor di più la totale assenza di cura ed attenzione per questo patrimonio pubblico, che era e rimane assoggettato alla disciplina di tutela del codice dei beni culturali, hanno determinato un preoccupante stato di degrado che da tempo Italia Nostra e l’associazione Amici di San Nicola Arcella hanno denunciato alle competenti autorità e portato all’attenzione dell’opinione pubblica. Purtroppo – commenta ancora l'associazione - il comune è risultato completamente assente, incapace a mettere in essere anche i più piccoli interventi di manutenzione, come la sostituzione di un vetro o la chiusura di un infisso”. La cerimonia di inaugurazione, a conclusione dei lavori di restauro, aveva attirato l'attenzione di numerosi cittadini dell'alto Tirreno cosentino, oltre che esponenti politici. Benchè la struttura risulti un po' isolata dal centro, si trova in una posizione panoramica ed incantevole. Secondo Italia nostra bisognerà intervenire al più presto sulla riparazione dei tanti danni che l’immobile ha subito in questi anni.

“Non possiamo non ringraziare il Demanio dello Stato – scrive l'associazione - che ha mostrato attenzione e sensibilità alle problematiche della tutela di questo bene storico importante non solo per San Nicola ma anche per l’intero territorio; un ringraziamento lo rivolgiamo anche a chi ha operato concretamente per queste finalità, ci riferiamo al direttore regionale del demanio Dario Di Girolamo e al responsabile per la provincia di Cosenza, Antonio Arnoni”.



236 visualizzazioni0 commenti