• miocomune.tv

Praia a Mare: tributi, la proroga che fa discutere. Piano di rientro per i morosi

Aggiornato il: feb 12

L'ex assessore Antonino De Lorenzo: «Si potevano allungare i tempi del regolamento»


PRAIA A MARE – 10 feb. 20 - I commercianti, non in regola con il pagamento dei tributi, rischiano la sospensione della licenza. E' la linea adottata dall'amministrazione comunale di Praia a Mare e recentemente rimodulata dopo un incontro con i commercianti stessi. In una nota diffusa in questi giorni, l'amministrazione comunale fa sapere che il responsabile del procedimento nominato per l’attuazione del regolamento ha proceduto alla notifica delle comunicazioni di avvio del procedimento relativo alla sospensione dell’autorizzazione per l'esercizio di attività commerciale nei confronti degli esercenti risultanti morosi con i tributi locali. Lo scorso 1 febbraio, cittadini e amministrazione si sono incontrati in sala consiliare. Si è deciso che: “tutti i morosi, a qualsiasi titolo, avrebbero dovuto recarsi presso l'Ufficio tributi per richiedere il resoconto della propria posizione debitoria fino a tutto l’anno 2019 ai fini di una rateizzazione del loro debito, manifestando l’intenzione di aderire ad un piano di rientro. Solo a seguito delle richieste pervenute (entro e non oltre trenta giorni dalla pubblicazione della nota) questa Amministrazione – si legge - valuterà di assumere ogni conseguente e opportuna determinazione”. In difetto, si procederà alla sospensione della licenza per le attività commerciali.

Sulla stessa questione è tonato l'ex assessore, ora consigliere d'opposizione, Antonino De Lorenzo. «Premesso che i tributi vanno pagati – ha dichiarato De Lorenzo -, c'è da sottolineare che esistono vari modi per raggiungere l'obiettivo». De Lorenzo critica anche l'ultima decisione del comune di Praia a Mare sulla proposta di transazione da fare entro i trenta giorni. «C'è un regolamento in vigore – afferma De Lorenzo – che pone delle direttive precise e che non può essere disatteso. Era più semplice dare corso alla mia proposta, cioè: allungare i termini del regolamento scaduto il 31 dicembre 2019, facendo un passaggio in consiglio comunale, e dare la possibilità ale imprese, nei successivi sei mesi di pagare in maniera agevolata i tributi. Una decisione che dava la possibilità ai commercianti: di non versare l'anticipo, di non sottoscrivere cambiali o polizze fideiussorie e di versare le rate in maniera differenziata. Situazione importante in un paese a vocazione turistica. Era più trasparente. Si è invece scelta questa strada – ha detto De Lorenzo – che fa riferimento ad un modo disordinato di agire, senza pattuizioni chiare».

L'EX ASSESSORE DE LORENZO


0 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)