Praia a Mare, le grotte del Santuario nella "lista rossa” di Italia nostra

PRAIA A MARE – 19 mag. 20 - Iniziativa degli ambientalisti di Italia nostra con riferimento alla falesia del monte Vinciolo e in particolare al sito dove sorge il Santuario della Madonna della Grotta. Italia nostra ha presentato una “Lista rossa” di beni in pericolo. “Grotte e cavità naturali che si aprono lungo la falesia del monte Vinciolo – scrivono gli ambientalisti -. Il sistema di grotte e cavità naturali che si apre lungo la falesia del monte Vinciolo costituisce uno dei principali palinsesti archeologici della costa tirrenica calabrese. In particolare, la Grotta della Madonna e la Grotta così detta “Cardini”, hanno restituito tracce di occupazione umana databili dal Paleolitico Superiore all’età del Bronzo, connotandosi come tra le più importanti e ricche in Italia, inserite in un sistema di grotte carsiche e falesie di straordinaria valenza ed attrattività.

Il sito archeologico si presenta oggi fortemente trascurato e presenta segni di un progressivo degrado. In parte divenuto inaccessibile, in parte trascurato e non soggetto più a controlli per il rispetto delle prescrizioni di tutela imposte dal vincolo in cui ricade”. Una situazione di pericolo in alcune parti del sito. “Più volte – si legge nella nota diffusa per l'occasione - Italia Nostra è intervenuta per richiamare l’attenzione su questo luogo eccezionale, con azioni di tutela e proposte di valorizzazione e fruizione pubblica, ma senza successo.

Questo sito archeologico adeguatamente tutelato e valorizzato, rispettando tutti gli elementi legati alla sua fragilità, potrebbe effettivamente costituire elemento significativo e caratterizzante per l’intero territorio”.

112 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)