Praia a Mare, il sindaco chiude il lungomare fino al 6 giugno. De Lorenzo “Ordinanza vergognosa“

PRAIA A MARE – 25 mag. 20 – Il sindaco di Praia a Mare, Antonio Praticò ha emesso una nuova ordinanza che di fatto limita la circolazione di veicoli sul lungomare Sirimarco fino al prossimo 6 giugno. Il sindaco ha ordinato: “La chiusura del lungomare Col. F. Sirimarco nel tratto ricompreso tra piazza Luigi Sturzo e via F. Acri, mediante apposizione da parte di personale dell'ufficio tecnico comunale di rete in

plastica rossa e con apposizione di relativa segnaletica stradale, con esclusione della sola via

Capuozzo dalla quale sarà consentito l'accesso esclusivamente per la sosta dei veicoli

all’interno delle aree private accessibili unicamente dal lungomare, ai soli residenti/dimoranti

nonché il transito per i mezzi di soccorso”.


LA SEDE STRADALE

La sede stradale verrà destinata e riservata solo a coloro che hanno la necessità di svolgere

attività fisica/motoria (jogging, ...), purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza

interpersonale di almeno cinque metri (mt. 5,00) e pertanto non è consentito l’affiancamento/sorpasso in nessuna circostanza. Tali attività potranno essere svolte nelle

seguenti fasce orari: dalle ore 06.00 alle ore 09.00 e dalle ore 19.00 alle ore 21.00;

PASSEGGIATA PEDONALE

La passeggiata pedonale verrà destinata e riservata esclusivamente al passeggio, purché

comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri (mt. 2,00)

e nelle seguenti fasce orarie: dalle ore 09.00 alle ore 12.00 e dalle ore 17.00 alle ore 19.00;

PISTA CICLABILE

La pista ciclabile verrà destinata e riservata esclusivamente all'attività motoria dei più piccoli,

dai 3 ai 12 anni. I bambini, accompagnati e sotto la responsabilità esclusiva di un adulto,

potranno praticare attività motoria, passeggiare, purché comunque nel rispetto della distanza

minima di sicurezza pari ad almeno due metri (mt. 2,00) da altre persone e nelle seguenti fasce

orarie: dalle ore 09.00 alle ore 12.00 dalle ore 17.00 alle ore 19.00.

L'OPPOSIZIONE

L'ex assessore Antonino De Lorenzo attacca sulle “ordinanze impossibili”. Il consigliere d'opposizione fa notare come vi sia contrasto nelle azioni del sindaco Praticò: «Se da un lato ci dà la possibilità di montare le strutture balneari, dall'altro, invece le tappa. Tranne un piccolo varco per entrare, per il resto bisogna stare con il lungomare chiuso. Ora cominciamo ad essere stanchi. Lo dico da imprenditore, consigliere comunale, semplice cittadino. I consiglieri di maggioranza hanno una responsabilità enorme. Mantenere questo sistema, comincia a pesare sulle coscienze di tutti. Chiedo ai consiglieri di maggioranza di fermarlo, se non ci riescono altri. In altre località balneari italiane stanno riaprendo e noi pensiamo a chiudere. Per quale motivo? Perché dobbiamo tenere quella vergogna con la rete rossa? Questi atti di cui chiederemo con forza l'annullamento non vanno bene, sono una dimostrazione di forza per uno che forza comincia a non averne più. Si tratta di azioni sconnesse. Abbiamo chiesto regole certe e invece ogni giorno c'è una regola nuova, diversa, che fa passare la voglia di andare a lavorare. Questa ordinanza è un'ulteriore vergogna, unica nel sistema solare. Deve essere annullata. I consiglieri di maggioranza hanno grandissima e gravissima responsabilità».

STABILIMENTI BALNEARI E FOOD E BEVERAGE QUEL PLEXIGLASS CHE CHIUDE GLI SPAZI APERTI

Non solo l'emergenza Covid pone a rischio la stagione turistica, ma, secondo il consigliere d'opposizione Antonino De Lorenzo, anche l'amministrazione del sindaco Praticò. I problemi riguarderebbero, secondo l'ex assessore della stessa giunta Praticò due comparti: quello del food e beverage e quello degli operatori balneari. Il sindaco Praticò ha diffuso un avviso che prevede barriere di plexiglass per chi ha gli spazi esterni. Qualcuno, sui social, ha anche definito particolare la situazione dicendo che in pratica è “come far diventare chiusi gli spazi aperti”. Andrebbe realizzata una pedana, il perimetro con barriere in plexiglass e se ci sono balconi bisognerebbe realizzare anche la copertura. «Tutto questo – fa notare De Lorenzo – costerebbe una cifra enorme e soprattutto non è richiesto dall'atto originario emanato dall'Asp. Però si tratta di prescrizioni per i suoli pubblici straordinari, in aggiunta. Solo nel caso in cui si richiedano degli spazi pubblici in aggiunta – sostiene De Lorenzo - scattano le prescrizioni. Il comune di Praia a mare, invece, ha previsto tali prescrizioni per tutti con il risultato che alcuni bar hanno dovuto ritirare i tavoli; altri hanno deciso di aprire prossimamente». Anche per quanto riguarda gli stabilimenti balneari, secondo De Lorenzo, il comune di Praia a Mare ha posto delle restrizioni eccessive che non favoriscono la ripresa delle attività. «Un avviso del 17 maggio scorso del sindaco dava il via al montaggio degli stabilimenti – racconta l'ex assessore praiese – il 21 maggio, hanno ricevuto una comunicazione che richiede la comunicazione dei nominativi di tutti i collaboratori, con particolare attenzione alla posizione di assunzione. E' giusto che ogni stabilimento balneare assuma regolarmente il personale, ma non è giusto, invece, che si debbano comunicare i nomi e cognomi al sindaco della città». Le critiche alle prescrizioni proseguono anche in riferimento agli orari indicati per il montaggio: «Si può lavorare dalle 8 a mezzogiorno; poi, bisogna fermarsi, perchè il virus si presenta e resta fino alle 16.00 – ironizza l'ex assessore – cioè fino all'orario in cui gli operai possono riprendere a lavorare fino alle 20.00. Limitazioni anche per la pulizia della spiaggia. So no indignato perché – aggiunge De Lorenzo – qualcuno non ha capito la gravità della situazione. Tante famiglie rischiano per il proprio futuro. Dovrebbero comunicare che la stagione turistica non la vogliono fare; allora saremmo tutti più tranquilli. E' un gioco al massacro che richiede chiarezza. Questa situazione non è sopportabile».

IL VIDEO


1,688 visualizzazioni0 commenti
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)