• miocomune.tv

Polemiche per la vela pubblicitaria elettorale in zona demaniale

Diamante, botta e risposta fra comitato ambientalista e sindaco Magorno


DIAMANTE – 16 gen. 20 - In piena campagna elettorale gli animi si scaldano e basta poco per far scoppiare la scintilla. In questo caso, il territorio è quello di Diamante. Il Comitato difesa ambiente segnala la presenza di una delle cosiddette “vele pubblicitarie” con un bel faccione in primo piano, nel pieno parco del Corvino, in un'area demaniale. Ma ovviamente il Comitato, che è già abituato a battaglie politiche e non solo, non si ferma alla sola segnalazione. Nel pomeriggio di ieri diffonde una nota Nella quale sostiene che il sindaco di Diamante, Ernesto Magorno, oggi di Italia Viva, “sia grande amico di Pino Gentile”. Con il sindaco: il vice sindaco Pino Pascale e il presidente del consiglio comunale, Francesco Bartalotta, gentiliani di ferro. Commentano dal comitato: “ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni, le proprie preferenze, ed ognuno è libero di fare tutti i salti della quaglia che ritiene opportuno fare. Non ce ne voglia quindi nessuno dell’Amministrazione Comunale, ma fare finta di non vedere un cartellone pubblicitario elettorale con il faccione di Pino Gentile di cinque metri per tre posto all’ingresso del paese, in area demaniale e appartenente al Parco La Valva, ebbene questo non può assolutamente passare”. Scoppia la polemica: “Il sindaco attento questa estate a mandare i vigili a multare le ragazzine in costume da bagno sul lungomare del paese, o a multare i locali che facevano musica dopo mezzanotte, o ancora di più a minacciare di non ritirare l’immondizia ai ristoratori e albergatori morosi, non vede da ben 20 giorni questo enorme faccione”. La presenza del cartellone è ritenuta abusiva, per tale motivo il Comitato ha avvertito i vigili urbani invitandoli a farlo rimuovere. “La Polizia locale di Diamante – fa sapere il sindaco -si è già attivata, e non certo per la nota del Comitato, per contrastare tutte le affissioni e le forme di pubblicità abusiva”. Magorno sottolinea il fatto che il comitato sia stato “resuscitato, per l’occasione” ed evidenzia che ogni candidato alla Presidenza della Regione Calabria è stato regolarmente accolto in linea con la par condicio senza far venir meno il senso di ospitalità nei confronti dei candidati a consigliere di qualsiasi schieramento e di qualsiasi partito. “Ribadisco – conferma Magorno - come ho più volte pubblicamente dichiarato, di non sostenere nessun candidato a Governatore e che i componenti della mia Amministrazione sono uomini e donne che liberamente sceglieranno chi sostenere e chi votare. Smentisco, quindi, le allusioni del comitato che ha ben poco di ambientale e molto di politico. Viene da pensare, poi, sul fatto che, chi si proclama paladino di legalità, se la prenda contro provvedimenti che mirano a colpire l’evasione, la più grave forma di iniquità e illegalità nei confronti dei cittadini”.

0 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)