Papasidero, oggi il conferimento di due cittadinanze onorarie

La prima volta per il centro montano. Agli archeologi Fabio Martini e Domenico Lo Vetro. Premio al regista Rai Raffaele Maiolino


La locandina

PAPASIDERO – 31 ago. 19 - Nel luogo dove sorge il fantastico sito archeologico della Grotta del Romito, si celebra una importante iniziativa. L'amministrazione comunale vuole stringere ulteriormente il legame con chi ha dato parte della vita lavorativa, delle conoscenze, per la scoperta dell'area conosciuta in tutto il mondo, non solo per il graffito del bos primigenius. Questa sera, a partire dalle ore 21.00, in piazza Umberto I a Papasidero, in una seduta di consiglio comunale aperta verrà conferita la cittadinanza onoraria agli archeologi Fabio Martini, professore ordinario dell’Università degli Studi di Firenze e a Domenico Lo Vetro, ricercatore della stessa Università. “E’ la prima volta nella storia di Papasidero – si legge in una nota, e lo conferma anche il sindaco Fiorenzo Conte - che si conferisce questo riconoscimento. I due studiosi operano da un ventennio al sito archeologico Grotta del Romito attraverso una campagna di scavi annuale in sinergia tra Università di Firenze, Museo di Preistoria, Sovrintendenza ed in collaborazione con il comune di Papasidero, Ente Parco del Pollino e Regione Calabria”.

In seguito alla scoperta della Grotta del Romito, avvenuta nel 1961, gli scavi condotti dal prof. Paolo Graziosi dell’Università di Firenze (1961-1968) portarono alla luce un insediamento preistorico con reperti umani, tracce e testimonianze di riti funerari di notevole importanza, anche se la notorietà della grotta è dovuta all’incisione rupestre raffigurante un Uro su un masso che si trova nel riparo, detto “Bos primigenius”. Gli scavi furono ripresi nell’anno 2000, frutto di una collaborazione tra soprintendenza e Università di Firenze. A dirigerli il prof. Fabio Martini il quale con grande abnegazione e costanza, per venti anni sì è interessato di questo sito, e assieme al suo assistente e ricercatore archeologo Domenico Lo Vetro effettuano annualmente una campagna di scavi che, utilizzando nuove tecniche e moderne tecnologie, hanno portato alla luce ulteriori reperti di inumati e nuove conoscenze relative alla vita, i riti, gli ornamenti dei cacciatori raccoglitori del Romito. “Ai professori va il riconoscimento profondo per la loro costanza, venti anni, i risultati raggiunti, il rapporto umano creato con la popolazione e con i sindaci, ma soprattutto per aver dato lustro al nostro territorio ed al nostro piccolo borgo portando in Europa ed oltreoceano il nome del sito archeologico Grotta del Romito e dello stesso Papasidero attraverso le numerose pubblicazioni, i convegni ed i passaggi televisivi ai quali costantemente sono stati presenti da protagonisti. Per effetto della divulgazione di tale insediamento preistorico Papasidero è diventata meta di turismo culturale di notevole interesse, visitato annualmente da numerosi studenti oltre che da appassionati turisti che oltre ad apprezzare il sito hanno possibilità di ammirare anche le testimonianze e le tracce del monachesimo italo-greco nonché le bellezze naturalistiche della valle del fiume Lao”.

Nella stessa serata verrà consegnato il premio “Bos primigenius”, (premio riservato a calabresi e papasideresi che si sono particolarmente distinti nel proprio campo o hanno operato positivamente per il territorio), agli stessi cittadini onorari ed a Raffaele Maiolino, papasiderese, regista Rai, che ha lavorato nei programmi Rai storia, Alle falde del Kilimangiaro, Easy driver, Sereno variabile, Linea blu, Matera capitale della cultura, Cose Nostre.... non dimenticando mai le proprie origini.

57 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)