top of page

Paola, galleria Santomarco: dopo il blocco, interviene la società Sipotra, con Lo Feudo

Le domande poste dal socio Sipotra sulla questione della rete ferroviaria in quel tratto



PAOLA – 25 mar. 23 - Il blocco del treno in galleria, avvenuto lo scorso 18 marzo, con una serie di problemi per i viaggiatori che hanno dovuto attendere circa quattro ore per poter ripartire, ha generato alcune riflessioni, riportate ieri, e una serie di domande da parte di Giuseppe Lo Feudo, socio Sipotra.

Si tratta della “Società italiana di politica dei trasporti ed è composta da un gruppo di “professori universitari, dirigenti pubblici, professionisti e manager, accomunati, ciascuno nel proprio ambito, da un forte impegno civile e dalla convinzione della centralità del sistema dei trasporti per una crescita sostenibile, mediante politiche più incisive in questo settore. Abbiamo per questa ragione – si legge - deciso di costituire la Società Italiana di Politica dei Trasporti (S.i. Po.Tra.), nella convinzione che le scelte pubbliche che il nostro Paese ha compiuto nei decenni scorsi su trasporti e logistica siano state ampiamente inadeguate, consegnando a cittadini ed imprese un sistema per molti versi inefficiente ed inefficace, con gravi conseguenze sull’ambiente e sulla qualità della vita,con pesanti ricadute negative sulla competitività del sistema economico-produttivo e sulla finanza pubblica”. Ora, il disservizio fra Cosenza e Paola del 18 marzo è stato determinato, così risulta senza smentita, da un guasto al treno. “Per carità – scrive Lo Feudo - cosa sempre possibile, ma sarebbe sempre meno frequente e probabile se i treni fossero nuovi, moderni e comunque ben mantenuti”. La serie di domande: “Atteso che Trenitalia in Calabria ha dismesso ormai quasi tutte le proprie unità di manutenzione, compresa l’officina deposito di Cosenza che era super attrezzata, come e dove viene all’attualità effettuata, sui rotabili impiegati nei servizi regionali calabresi , la manutenzione ordinaria, la piccola manutenzione giornaliera e la manutenzione programmata?



Come e dove la Regione controlla, sotto forma di monitoraggio o di ispezioni spot, che vengano rispettati i protocolli convenuti nel contratto di servizio, anche ai fini di verificarne la coerenza con gli impegni finanziari assunti? Poichè i disservizi nella galleria Cosenza – Paola rappresentano una oggettiva criticità a causa della tipologia stessa della struttura , esistono a Cosenza e a Paola due postazioni fisse di locomotori di soccorso nonchè di personale in riserva, che siano pronte per intervenire in galleria in tempi rapidi senza giungere alle inaccettabili attese del 18 marzo scorso?

In relazione al Cronoprogramma allegato 7 al CdS., che prevede entro il 2024 la immissione in esercizio di 27 nuovi treni di cui tre bi-direzionali entro il 2022, i tempi concordati sono stati rispettati ad oggi da Trenitalia? A che punto sono le procedure per l’avvio dei lavori di raddoppio della galleria atteso che il dibattito pubblico è stato ormai da tempo concluso, e cosa si sta facendo inoltre per rispettare le scadenze previste nei programmi afferenti i lotti riguardanti Praia a Mare e Tarsia? Quali iniziative intende adottare RFI per realizzare immediate misure di mitigazione del rischio in caso di blocco dei rotabili nell’attuale galleria? Come mai non sono previsti interventi di pedonalizzazioni nell’attuale galleria ovvero di altro idoneo intervento coerente , atteso l’obbligo tecnico a realizzare investimenti di tal genere per le gallerie che superino i due Km?”.



Comentarios


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram.jpg

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page