Non abbandonare il campionato di Eccellenza: appello del sindaco alla società Usd Scalea calcio

L'ipotesi paventata dalla società dello Scalea calcio di lasciare il campionato di Eccellenza genera la reazione dell'amministrazione comunale che esorta i dirigenti a tornare indietro sulla decisione


SCALEA – L'amministrazione comunale di Scalea chiede alla società dello Scalea Calcio 1912 di fare un passo indietro in riferimento alla decisione annunciata di abbandonare il campionato di calcio di Eccellenza. «Siamo nell’anno in cui ricorre il cinquantesimo anniversario della storica vittoria del titolo di Campione d’Italia da parte della formazione juniores di Scalea – commenta il sindaco Giacomo Perrotta - ed è anche per questa straordinaria ricorrenza che abbiamo voluto esortare i dirigenti a ritornare sulla decisione di abbandonare il torneo. La squadra rappresenta l’intera città di Scalea ed è chiamata a risollevarsi dopo una battuta d’arresto». Il sindaco Giacomo Perrotta, insieme al consigliere delegato allo sport, Luigi Cirimele, ha diffuso la nota indirizzata alla società.



L'Usd Scalea Calcio ha manifestato l’intenzione di abbandonare il campionato dopo la sconfitta subita nella prima giornata contro il Sambiase di Lamezia Terme. Ma probabilmente la riflessione nasce da un'analisi più approfondita che riguarda anche il particolare periodo. Secondo il rappresentante dell'amministrazione cittadina: “La storia calcistica di Scalea merita di proseguire senza macchie, per questo motivo – afferma Perrotta - ho invitato la società a proseguire il campionato di calcio di Eccellenza a testa alta, profondendo il massimo sforzo, per attestare sul campo i meriti sportivi della squadra, confidando al tempo stesso, che la Lega nazionale dilettanti assicuri in qualsiasi modo che lo svolgimento del torneo avvenga nel rispetto degli sforzi che, soprattutto in questo delicatissimo periodo, la nostra società, come le altre, sta profondendo”. La società calcistica vanta un percorso storico importante. «Scalea, per il suo blasone calcistico e per la serietà sempre dimostrata in tanti anni di militanza nel massimo campionato regionale, esorta gli organi sportivi ad agire nella direzione di assicurare lo svolgimento del torneo nella maniera più corretta possibile».



348 visualizzazioni0 commenti