Nell'autocertificazione, l'acquisto di cocaina. Arrestato per spaccio un uomo di Taurianova

TAURIANOVA – 28 apr. 20 - Ennesimo intervento dei carabinieri contro lo smercio di droga nella Piana di Gioia Tauro. Se appare ormai chiaro che il coronavirus non ha fermato la vendita e il consumo di sostanze stupefacenti nel territorio, è altrettanto evidente che non si è fermata neanche la forte attività repressiva dei carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria.

Nella tarda serata di sabato, infatti, i carabinieri della Compagnia di Taurianova hanno tratto in arresto in flagranza M.C., 51enne di Rosarno, già noto alle forze di polizia, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

In particolare, durante le ordinarie attività perlustrative a Taurianova, militari della locale


Sezione Radiomobile hanno notato una autovettura che procedeva con andamento sospetto e quindi, considerato anche l’orario di spostamento inusuale per il periodo, hanno deciso di sottoporla a controllo. Alla vista della pattuglia l’uomo alla guida ha tentato un breve allontanamento, prontamente interrotto dai carabinieri, che sono riusciti a bloccare la macchina. Sottoposto a perquisizione personale e veicolare il 51enne è stato trovato in possesso di una busta in cellophane contenente circa 24 grammi di cocaina pronta alla vendita, 500 euro in contanti in banconote di vario taglio, verosimile frutto dell’attività illecita di spaccio. Durante il controllo, l’uomo ha anche tentato di liberarsi dell’involucro, gettandolo a terra, ma poi, prontamente notato, ha tentato di giustificarsi sostenendo fossero “solo” 20 grammi di cocaina.

Caratterizzante del periodo è anche la giustificazione apposta nell’autocertificazione per lo spostamento da Rosarno a Taurianova, nella quale il Carbone ha dichiarato che doveva spostarsi per poter reperire la cocaina e dunque, ovviamente, sarà anche destinatario della sanzione amministrativa.

L’uomo è stato quindi tratto in arresto in flagranza di reato per la detenzione ai fini di spaccio di cocaina e tradotto presso la casa circondariale di Palmi in attesa del giudizio di convalida. Il Giudice del Tribunale di Palmi, all’esito dell’udienza, ha convalidato l’arresto e sottoposto il Carbone alla custodia cautelare in carcere.

L’intervento rientra nella più ampia e diffusa azione dei carabinieri reggini per prevenire e reprime i reati in materia di sostanze stupefacenti, attività ininterrotta nel particolare periodo come dimostrano i numerosi recenti arresti in tutta la provincia, soprattutto in considerazione che, persino la vendita al dettaglio, è primaria fonte di arricchimento della criminalità organizzata calabrese.

247 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)