• miocomune.tv

Grisolia, droga nelle uova di Pasqua: coniugi in libertà

Accolta l'istanza dell'avvocato penalista, Antonio Crusco


Grisolia, la droga sequestrata

GRISOLIA – 28 ago. 19. - Il Tribunale di Catanzaro, ha rimesso in libertà i due coniugi di Grisolia indagati per spaccio di cocaina. La decisione, ieri, su istanza dell’avvocato penalista Antonio Crusco. I due erano stati tratti in arresto lo scorso 24 aprile dai carabinieri di Santa Maria del Cedro con un'accusa ben precisa. I militari, a seguito di perquisizione domiciliare, avevano fermato i coniugi D.P.L. di 39 anni e sua moglie C.I. di 37 anni, entrambi di Grisolia, accusati, quindi, di detenzione ai fini di spaccio di cocaina. I fatti risalgono alle ore 13.00 circa del 24 aprile scorso. Secondo l’accusa, i militari, a conclusione di una mirata attività di analisi, avevano effettuato una perquisizione domiciliare.

La donna, dopo aver verificato la presenza dei carabinieri, su indicazione del coniuge, si sarebbe disfatta dello stupefacente, gettando dal balcone posteriore della sua abitazione, posta al primo piano, la droga contenuta all’interno dell'involucro in plastica di colore giallo, normalmente utilizzato per le sorprese delle uova di pasqua. I carabinieri, avevano predisposto un servizio attorno all'abitazione, e quindi avrebbero notato la donna lanciare la busta. Era stato rinvenuto, secondo l’accusa, anche un bilancino di precisione e del materiale utilizzato per il confezionamento della droga. I due coniugi, condotti in caserma, erano stati arrestati in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e, su disposizione della Procura della Repubblica di Paola, erano stati tradotti presso il proprio domicilio a disposizione dell'autorità giudiziaria. Due giorni dopo il Gip del Tribunale di Paola aveva convalidato l’arresto dei carabinieri e avev

a disposto anche gli arresti domiciliari. L’avvocato penalista Antonio Crusco, a cui i coniugi solo recentemente hanno conferito incarico, ha espletato articolate investigazioni difensive anche dal punto di vista scientifico, avvalendosi di un consulente. L’avvocato penalista ha portato, quindi, in giudizio le sue argomentazioni ed il Tribunale di Catanzaro, sezione feriale, ha fissato l'udienza nella giornata del 14 agosto scorso. Il collegio del Tribunale di Catanzaro, presidente Michele Coppai, dopo aver ascoltato l’arringa del penalista, avvocato Antonio Crusco, si è riservato la decisione. Ieri il Tribunale, in accoglimento delle argomentazioni in punto di diritto dell’avvocato Antonio Crusco, ha rimesso in libertà i due coniugi, sostituendo per entrambi la misura degli arresti domiciliari con l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

0 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)