Fallimento Manital Idea, 500 i lavoratori a rischio in Calabria

La preoccupazione di Carlo Forlano, Uil trasporti


Carlo Forlano Uil trasporti

REGGIO CALABRIA – 2 feb. 20 - Venerdì 31 gennaio al tribunale delle Imprese di Torino, davanti al giudice della sezione fallimentare Stefano Miglietta, le organizzazioni sindacali hanno assistito all'ennesimo triste capitolo della vertenza Manital Idea.

Una vicenda grottesca giocata sulla pelle di 10 mila lavoratori sparsi in tutta Italia di cui ben 500 impiegati in Calabria in differenti commesse. Dinnanzi al giudice fallimentare l’amministratore delegato Luigi Grosso ha ammesso il grave stato di insolvenza della società e ha chiesto al giudice di ammettere la società all’amministrazione straordinaria. Il giudice si è riservato di decidere. La prossima udienza è stata fissata il 4 febbraio ma l’epilogo sembra ormai scontato.

La UilTasporti Calabria, con il responsabile Carlo Forlano, auspica che il tribunale metta in sicurezza quel che resta della Manital a tutela di tutti i creditori: lavoratori, aziende subappaltanti.

In provincia di Cosenza la Manital Idea ha ceduto in subappalto il servizio di pulizie dell'Università della Calabria e non vorremmo che accadesse quanto già avvenuto con l'impresa Puliservice.

Il 9 gennaio l'azienda reggina ha comunicato a sindacati, Consip, Corte dei Conti e Agenzie delle Entrate di aver interrotto il consorzio con Manital per tutti i servizi di facility management degli immobili ad uso ufficio delle pubbliche amministrazioni a causa degli ingenti danni di natura operatoria, economica e di immagine subiti dalla collaborazione con Manital Idea.

La Uil Trasporti Calabria, tramite Carlo Forlano, esprime viva preoccupazione per lo stato di insolvenza della Manital Idea perché rischia di mettere in difficoltà le subappaltanti con ripercussioni sui lavoratori e lo stato di salute delle stesse aziende. Occorre un percorso condiviso con le organizzazioni sindacali affinché siano tutelate tutte le maestranze interessate e siano difesi i livelli occupazionali così come previsto nei cambi di appalto.

115 visualizzazioni