Elezioni a Scalea: Biondi e "l'idea” di una lista unica

Aggiornato il: feb 17

Un tavolo di concertazione per un programma unico ed un gruppo unico


SCALEA – 7 feb. 20 - Le scelte in politica generano sempre polemiche ed anche divisioni. Ancor di più se vengono fatte nell'ambito della politica locale e in prossimità di una campagna elettorale. L'annuncio dell'ex assessore e consigliere Eugenio Orrico sull'avvio di un proprio progetto politico non è passato inosservato. Ha subito generato una reazione da parte di Nicola Biondi che, fra l'altro, è componente della stessa associazione “Pensiamo a Scalea”. La stessa che, secondo Orrico, con la chiusura dell'esperienza in consiglio comunale potrebbe essere messa da parte per dar spazio ad un progetto politico.

Nicola Biondi scrive: “La Storia ci insegna che le divisioni non portano nessun beneficio. Le generazioni che ignorano la storia, non hanno né passato e né futuro”. Il presidente di “Noi per il territorio” ha una visione diversa della politica locale in vista delle prossime elezioni amministrative. Un progetto che però non è facile da realizzare, soprattutto in questo particolare momento politico. Come sempre, all'inizio sono numerosi i gruppi che si formano. Ma il percorso è lungo e a Scalea la storia della politica locale insegna che il cammino è spesso tortuoso e non sempre le idee iniziali arrivano indenni al traguardo finale. Nicola Biondi scrive: “Le elezioni amministrative si avvicinano e già si vedono i vari gruppi, i soliti noti ed i nuovi ignoti. Guardando al passato – aggiunge - ho pensato come si potesse scrivere un nuovo capitolo per Scalea, “Lancio un'idea”. Propongo un tavolo di concertazione con il fine di sintetizzare tutto in un unico programma ed in un'unica squadra, affinché Scalea si erga a leader dell'alto Tirreno cosentino. Per troppo tempo siamo stati relegati in un angolo, additati e ghettizzati. Lo scatto di orgoglio è un atto dovuto. Io ho sempre parlato di rete di unione; ora è la volta buona – conclude Biondi -. Abbiamo il dovere di provarci”.

LA POSIZIONE DI "FRONTE VERDE”

SCALEA - Non è possibile accogliere l'appello di una lista unica e di un tavolo unico “per la rinascita della città”, come proposto da Nicola Biondi di “Noi per il territorio”. Antonio Maiuro di “Fronte verde e “Italia giovane solidale” ricorda di aver fatto, tempo fa, un appello con gli stessi contenuti: «Volevamo aprire un dialogo con tutti, ma nessuno dei gruppi interpellato si è degnato

di rispondere. Usciamo ed entriamo giornalmente dalle case dei cittadini scaleoti per chiedere consensi ed anche consigli. Il gruppo Fronte verde ed Italia giovane solidale non accetta la proposta di Biondi, riteniamo di poter andare avanti da soli, nè riteniamo opportuno che il nostro gruppo possa avere contatti con voi. Il nostro gruppo può proseguire anche da solo, è anche se non avesse la forza riteniamo sia giusto così. Per ora – conclude Antonio Maiuro - preferiamo camminare da soli”.

1,076 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)