Da Belvedere, il Pd ringrazia i sindaci e invia consigli per rispondere all'emergenza coronavirus

Aggiornato il: 31 mar 2020

BELVEDERE – 27 mar. 20 - Firmata da Loretta Maccagnan e Riccardo Ugolino, ma abbraccia tutti: dirigenti, iscritti e simpatizzanti del Pd. E' una lettera aperta ai sindaci del territorio che punta a ringraziarli per l'impegno profuso “per tutelare la salute di tutti, ma anche per sollecitarli a una collaborazione più assidua. Ciò consentirebbe uno scambio utile di esperienze e provvedimenti uniformi”. Una esortazione del tipo “uniti si vince”. Ed è forse in una visione comune del territorio che ha caratteristiche simili per ogni cittadina che si può e si deve trovare la via d'uscita per il rilancio. Maccagnan e Ugolino ritengono che in questo momento particolare: “i sindaci dell'alto Tirreno cosentino abbiano bene operato in questo drammatico momento della vita nazionale”. I dati, soprattutto in queste aree, al momento, sembrano essere incoraggianti. Secondo Maccagnan e Ugolino: “Ciò conferma la bontà del lavoro svolto dalle istituzioni e da coloro che sono impegnati nella trincea degli ospedali, dell'assistenza, della produzione e distribuzione dei beni essenziali. La soddisfazione legittima per i risultati conseguiti non deve farci abbassare la guardia, se mai devono essere colmate alcune lacune riscontrate, allo scopo di rendere più incisiva l'azione dei nostri amministratori”. Maccagnan e Ugolino consigliano però: “Un maggiore coinvolgimento degli organi comunali, giunta e consiglio, i sindaci non devono essere lasciati soli; un'unica cabina di regia o, quantomeno, un maggiore coordinamento tra i sindaci del territorio, soprattutto in materia di screening cui sottoporre i cittadini; un rapporto di collaborazione organica con associazioni, movimenti e partiti politici. La concertazione tra più soggetti, resa operativa da una forte leadership, garantirebbe utili scambi di esperienze e provvedimenti uniformi in tutto il territorio”. Da un'analisi emerge che: “Dovrebbe essere istituito lo sportello di sostegno psicologico; a tutti i cittadini, costretti nelle proprie abitazioni, dovrebbe essere garantita la fornitura di alimenti, farmaci, assistenza sanitaria da associazioni convenzionate con il comune; l'emergenza economica deve essere fronteggiata con misure di solidarietà diffusa: buoni spesa presso gli alimentari, donazioni in denaro alla Caritas. Queste ultime per aiutare anche i tanti concittadini che hanno perduto il lavoro e sono lontani dalle loro famiglie. Ai servizi sociali di ogni comune, a cui sono noti i nuclei familiari più bisognosi e i cittadini in quarantena, il compito di coordinare gli interventi solidali. Dovrebbe essere assicurata la vigilanza, h24, sulle strade di accesso al proprio territorio e nelle stazioni ferroviarie. A tale scopo ci si potrebbe avvalere,oltre che della Protezione civile e delle forze dell'ordine, anche del personale dipendente da società che gestiscono i parcheggi a pagamento e degli ausiliari del traffico stagionali. E' necessario che i Sindaci chiariscano quali attività produttive,oltre ai cantieri edili, devono essere sospese. Giungono, purtroppo, notizie di altri decessi da Coronavirus nella nostra Regione. Siamo ancora in piena emergenza sanitaria. Nel nostro territorio non solo l' Ospedale di Praia a Mare ma anche le Case di cura accreditate devono essere fornite del personale e delle attrezzature (ventilatori polmonari, posti-letto di rianimazione) necessarie alla cura delle persone risultate positive al virus”.

381 visualizzazioni0 commenti
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)