Coronavirus, Crosia, chiusa l'area di centofontane

Il Sindaco: «Se sarà necessario pronte misure ancora più restrittive»

CROSIA - 17 mar. 20 – Emergenza coronavirus, nuove misure di ordine pubblico per limitare le possibilità di contagio. Chiusi fino a cessata esigenze l’intera area del lungomare ed il parco di Centofontane. Stop a traffico veicolare e pedonale. Inoltre, l’Asp di Cosenza a seguito delle segnalazioni pervenute dal Comune ha emesso 8 ordinanze di isolamento obbligatorio per altrettante persone provenienti dalle ex zone rosse del Nord Italia. Intanto proseguono i controlli serrati sul territorio.

È quanto fa sapere il sindaco Antonio Russo che proprio stamani ha firmato le nuove ordinanze consequenziali all’applicazione dei Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8 e 9 marzo scorsi.

«Si tratta di misure contenitive – dice il sindaco – necessarie per evitare il formarsi di assembramenti di persone che in questo momento sarebbero deleteri per la salute pubblica. Abbiamo chiuso fino a cessata esigenza tutta l’area del lungomare dove proprio ieri abbiamo fermato e denunciato dei cittadini che erano seduti sulle panchine incuranti delle prescrizioni previste dal decreto “Io resto a casa”. Non ci fermiamo e rimaniamo vigili affinché la gente capisca davvero l’importanza di rimanere a casa in questo momento. Se sarà necessario nelle prossime ore incrementeremo le misure restrittive. Nel frattempo con il supporto dei carabinieri, gli agenti di Polizia locale continuano a pattugliare e monitorare il territorio, fermo restando che su scala generale la stragrande maggioranza dei cittadini di Crosia Mirto – conclude il Primo cittadino - è rispettosa delle regole di isolamento».



104 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)