Coronavirus: chiuso il pronto soccorso del Guido Compagna

Aggiornato il: mar 12

Primo caso in città: il sindaco Flavio Stasi scrive una lettera ai cittadini

CORIGLIANO ROSSANO – 8 mar. 20 – Un caso di contagio dopo il contatto con un parente stretto proveniente da Milano. Il 78enne di Corigliano Rossano, risultato positivo al test effettuato all'ospedale di Cosenza è rimasto per ore al pronto soccorso dell'ospedale di Corigliano, “Guido Compagna”. I reparti di Pronto soccorso e radiologia dello Spoke sono chiusi. Il filtro delle tende all'ingresso del nosocomio non ha funzionato, anche perché non c'è il personale medico necessario. Il sindaco Flavio Stasi ha inviato una lettera ai cittadini: “Cari concittadini, vi scrivo dal reparto di Pronto Soccorso dello Spoke #CoriglianoRossano, plesso Corigliano. Ho appena finito di discutere con il direttore U.O.C. Pronto Soccorso dello Spoke e con il Responsabile Area Ionica del Dipartimento Prevenzione #ASP relativamente ad un caso di #Covid19.

Si tratta di un nostro concittadino, ultra settantenne, risultato positivo al #coronavirus. Ora si attendono i risultati definitivi da parte dell'istituto Superiore di Sanità. Il paziente in questo momento si sta trasferendo presso il reparto Malattie Infettive dell'ospedale di Cosenza. Purtroppo si tratta di uno dei cinque nuovi casi registrati oggi in Calabria.

Dalle prime ipotesi, sembra che il contagio possa essere avvenuto a causa del contatto stretto con un parente transitato, nel corso di un viaggio, da Milano. Ovviamente il Dipartimento Prevenzione si occuperà di approfondire la questione.

Per quanto riguarda le strutture ospedaliere, da stanotte saranno chiusi i reparti di Pronto Soccorso e Radiologia dello Spoke per le ore necessarie per permettere la disinfezione e sanificazione degli ambienti.

E' evidente che ora ancor più di prima è assolutamente necessario rispettare scrupolosamente il codice di comportamento emanato dal Ministero della Sanità che ormai viene diffuso a tutti i livelli ed attraverso qualsiasi canale di comunicazione, ma soprattutto c'è bisogno di essere responsabili nei confronti di sé stessi e degli altri. Ricordo a tutti infatti, soprattutto ai giovani, che questo virus è più pericoloso per anziani e persone deboli, ma che tutti possono essere vettori per il contagio e che quindi rischiamo di mettere in pericolo le altre persone, di cui invece bisogna prendersi cura. Sono certo che come comunità dimostreremo la forza e la responsabilità per superare questo momento.

Infine non posso che appellarmi con forza al Governo: unitamente a centinaia di altri sindaci, da giorni chiediamo che vengano adottati i provvedimenti necessari per controllare ed arginare i flussi di persone che in questi giorni, inutilmente ed irresponsabilmente, si stanno spostano dalle zone gialle verso le zone prive di contagio. Si tratta di un provvedimento necessario ed urgente perchè anche mentre scrivo, tantissimi uomini e donne stanno assaltano stazioni ferroviare, autostazioni ed autostrade, favorendo la diffusione del virus. Mi auguro che tale provvedimento venga adottato a minuti.

Sarà mia cura comunicare con chiarezza alla cittadinanza qualsiasi ulteriore aggiornamento.

Buona notte.

Il Sindaco”


421 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)