Corigliano Rossano, necessario un consiglio: «L'emergenza ha oscurato i problemi della città»

CORIGLIANO-ROSSANO - 27 apr. 20 – Necessario ed urgente convocare il Consiglio comunale, interdetto dal suo lavoro dallo scorso gennaio, per discutere pubblicamente della questione sanità e di altre emergenze che interessano il territorio di Corigliano-Rossano. Ci sono al vaglio del Sindaco e del Presidente della pubblica Assise numerose istanze che attendono ancora riscontro. Certo, la questione principale rimane l’emergenza sanitaria in atto e l’intenzione, chiaramente palesata, dell’Amministrazione comunale di attivare un centro Covid all’interno dell’ospedale spoke cittadino, ma registriamo da più parti un deficitario, stanziale e preoccupante stato di abbandono di tutte le due aree urbane della città. Se fase 2 deve esserci, è necessario che si riparta con una città che possa saper affrontare tutte le questioni aperte. Anche e soprattutto in vista dell’estate.

È quanto fanno sapere i Consiglieri comunali dei Gruppi di Opposizione Il Coraggio di Cambiare l’Italia (Vincenzo Scarcello e Adele Olivo), Graziano Sindaco (Gennaro Scorza) e Lega Salvini (Costantino Baffa) avanzando al presidente dell’Assemblea civica, Marinella Grillo, un pubblico invito a convocare a breve la pubblica assise.

«Lo abbiamo fatto nel corso di queste settimane – dicono – per le vie formali, chiedendo la richiesta di convocazione del Consiglio comunale così che la città venga portata a conoscenza in forma ufficiale di tutte le azioni che il Sindaco e l’Amministrazione comunale stanno compiendo in queste settimane nel governo della città. Fermo restando che l’emergenza covid-19 è una condizione nazionale che solo marginalmente, e quindi esclusivamente sotto l’aspetto della tutela igienico-sanitaria, riguarda la gestione comunale crediamo sia necessario sapere come si sta operando affinché il “motore” istituzionale della città non si fermi».


«A parte la questione prettamente sanitaria e ospedaliera, per la quale è opportuno un confronto in Consiglio comunale, possibilmente aperto a medici e operatori sanitari, proprio per discutere sulla reale opportunità e urgenza di un reparto specializzato per il trattamento dei pazienti covid, ci sono tante altre vertenze aperte di cui c’è necessità di confronto e discussione. A partire, ad esempio, dalla vicenda dei terreni livellari, per la quale i cittadini attendono doverose risposte da parte della Maggioranza e dell’Amministrazione comunale».

«Non solo, c’è in bilico anche la vicenda della struttura di Insiti e le diverse istanze per sapere cosa intenda fare l’esecutivo cittadino per affrontare la questione ambientale dei depuratori e della manutenzione urbana (strade, carenza idrica, sorveglianza territoriale contro i crimini ambientali, etc.). E poi, sempre nel contesto di quello che il solco della partecipazione democratica sarebbe opportuno confrontarsi sulla proposta lanciata da deputato Francesco Sapia sull’elevazione dello Spoke cittadini in presidio Hub. Al momento, quello che si vede è una città ingessata, anzi paralizzata a causa dell’emergenza che, in realtà, sembra essere diventata una scusa per non fare nulla».

«Siamo fermi in modo preoccupante e non vorremmo ritrovarci, quando bisognerà ripartire, con una città in ginocchio. Perché sappiamo bene che i problemi di una grande e complessa comunità come quella di Corigliano-Rossano non si risolvono da soli».

24 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)