Corigliano Rossano, da oggi i festeggiamenti di San Nilo

Cortei e rievocazioni storiche per ricordare Nicola Malena, San NIlo


Rievocazioni storiche per San Nilo

CORIGLIANO ROSSANO – 25 set. 19 - Tutto pronto anche quest'anno per i festeggiamenti in onore del Santo compatrono insieme alla SS Achiropita della città unica di Corigliano-Rossano (area Rossano). Un calendario liturgico ricco di spiritualità senza però tralasciare l'aspetto culturale, desiderato, da sempre, dall'Arcivescovo Mons. Giuseppe Satriano. Fin dal suo insediamento nell'Arcidiocesi di Rossano-Cariati infatti, ha voluto dare lustro a Nicola Malena, noto come San Nilo, attraverso iniziative anche di carattere culturale, rievocazioni storiche e corteo storico. La rievocazione, che si svolge oggie, avrà come punto di partenza la Cattedrale, subito dopo la funzione religiosa.Un percorso evocativo che, percorrendo idealmente i luoghi del santo, rievoca i tratti che hanno caratterizzato la sua vita. Un’iniziativa che ha fatto registrare apprezzamenti durante le passate edizioni, in cui la teatralità diventa strumento sociale, culturale e religioso.Il corteo storico, invece, costituisce un elemento che impreziosisce i due santi: Nilo e Bartolomeo portati in processione domani, 26 settembre.

Un numero cospicuo di figuranti vestiti in abiti bizantini che rappresentano le personalità e le tappe della vita del santo, tra nobili, autorità e monaci. Tra le tappe di maggior rilievo, la sosta a quella che era la casa di San Nilo, ogni anno addobbata dagli abitanti del rione con l’altare e tutto quanto necessario alla preghiera, che come sempre si conclude con fuochi pirotecnici, omaggio del quartiere al santo.

Altra tappa rappresentativa è quella in piazza Steri, momento in cui avviene la cerimonia di consegna delle chiavi della città da parte del sindaco a San Nilo. La cerimonia si conclude con lo spettacolo degli sbandieratori acrobatici prima del rientro in Cattedrale.

“Attorno a questa manifestazione – afferma Francesco Caligiuri, direttore artistico e regista di tutto l’evento - ruotano oltre cinquanta persone tra attori, figuranti, ballerine, cori e scuole di equitazione, escludendo altri trenta elementi ovvero gli sbandieratori. Certo, gli attori sono amatoriali, inteso come amatori del teatro come strumento culturale religioso e sociale, così come i figuranti che in questi anni si sono spesi rendendo questa manifestazione un evento tanto atteso.

Si tratta di un gruppo eterogeneo in termini di territorio e di professioni: provengono da Mandatoroccio, Crosia, area Corigliano, area Rossano, Torano Castello, San Donato di Ninea. E ognuno di loro svolge nella vita professioni tra le più svariate: imprenditori, medici, ingegneri, docenti, commercialisti, idraulici, imbianchini, muratori. Sono tutti accomunati dalla volontà di apportare il proprio contributo per la crescita culturale del nostro territorio, ecco perché a me piace pensare a San Nilo come al santo di tutti.

Ringrazio Mons. Satriano per la fiducia riposta nella mia persoma. Certo, l'emozione è tanta cosi come lo sono la paura e il senso di responsabilità, ma ho imparato che quando si opera mossi dall'amore Dio ci illumina il cammino. Sono grato – conclude Caligiuri - a tutte queste persone che ormai da cinque anni continuano ad esserci con impegno e dedizione e sono onorato e grato di rappresentarli”.

13 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)