Buonvicino, installati 7 defibrillatori: la cittadina è cardioprotetta

La cerimonia si è svolta nel pomeriggio di domenica 5 ottobre in piazza



BUONVICINO – 8 nov. 22 - Domenica pomeriggio, alla presenza, fra gli altri, del parroco don Salvatore Vergara, del sindaco Angelina barbiero, dei rappresentanti delle associazioni “Aba” e “Skidros” è stato attivato il progetto “Buonvicino cardioprotetta” con la collocazione sul territorio di ben sette defibrillatori che rendono il centro collinare più sicuro. La cerimonia si è svolta in piazza XVII settembre. Lì è avvenuta la collocazione del defibrillatore che “vigilerà” sul centro storico. Dopo la benedizione degli apparecchi medicali e dei partecipanti, il parroco ha posizionato il primo dei 7 defibrillatori nella teca in piazza. A Buonvicino sono state collocate varie mappe, in apposite bacheche, con l'indicazione del posizionamento dei defibrillatori.



Le mappe sono state trasmesse al 118 territoriale che censirà le postazioni dei dispositivi e alle postazioni di ambulanze. Sono intervenuti alla cerimonia: Daniele Arcuri, presidente dell’associazione Aba "noi con la natura”, che ha spiegato le motivazioni del progetto e ha parlato dei corsi Blsd; la dottoressa Enrichetta Tricanico, segretaria dell’associazione Aba; e la sindaca, dottoressa Angelina Barbiero, ex presidente di Aba, che ha spiegato la finalità del progetto, l’importanza che può avere informare e formare più persone possibili per essere capaci di portare un primo soccorso; la sindaca ha illustrato le caratteristiche tecniche, modalità di utilizzo e di gestione dei defibrillatori acquistati.



“Il posizionamento di defibrillatori, dispositivi salvavita, punto di arrivo del progetto “Buonvicino Cardioprotetta", rappresenta – si legge in una nota - l’inizio di una fase successiva ancora più importante che dovrà portare ad innalzare il livello di sensibilità di tutta la comunità verso il significato e l’importanza del primo soccorso in ambito non sanitario e alla presa di coscienza del fatto si possono acquisire nozioni e procedure di base, essenziali per poter essere di aiuto al prossimo. Il sindaco e l’amministrazione comunale, nell’esprimere grande soddisfazione per il risultato raggiunto, sentitamente e doverosamente ringraziano: l’associazione Aba, noi con la natura e l’associazione Skidros per aver promosso e realizzato questo importante progetto; la comunità di Buonvicino per aver mostrato particolare sensibilità all’iniziativa supportando concretamente la raccolta porta a porta; associazioni, operatori, imprese, attività del luogo e tutti coloro che hanno dato il proprio contributo: amministrazione comunale, ex sindaco Ciriaco Biondi; il dottor Daniele Arcuri, medico odontoiatra; Vincenzo De Luca, imprenditore; Don Salvatore Vergara della Parrocchia San Ciriaco Abate; il gruppo politico “il Melograno”; la pro loco di Buonvicino; Giuseppe Sionne, medico chirurgo; la famiglia De Marco / Belmonte di Buonvicino e la pasticceria Biancaneve a Diamante”.



GUARDA LE FOTO