Belvedere, rinviata la discussione sul dissesto

L'opposizione diffonde un documento. In ballo, forse, anche le candidature per le prossime elezioni


BELVEDERE – 6 ott. 19 - Il consiglio comunale di Belvedere Marittimo rinvia la discussione sulla dichiarazione di dissesto finanziario e sul riconoscimento dei debiti fuori bilancio. La questione dovrà essere discussa prossimamente. A quanto pare non sarebbero state fornite le certificazioni che confermerebbero l'entità della cifra per giustificare la dichiarazione di dissesto finanziario dell'ente. Una situazione che in città fa discutere. Certamente, alla base del dibattito, c'è la questione legata al dopo dissesto. Una situazione che comporterebbe una serie di difficoltà che si riverserebbero sui cittadini. Il primo risultato più evidente sarebbe l'aumento al massimo di tasse e tributi all'aliquota più alta. In città c'è anche chi sostiene che si tratti di una scelta prettamente politica. Dietro alla questione finanziaria potrebbe celarsi una iniziativa legata anche a candidature per le prossime elezioni. Un modo per contrastare la presenza tra le fila di Fratelli d'Italia dell'ex sindaco di Belvedere Marittimo, Enrico Granata. Ma, a parte qualche indiscrezione di voci di piazza, che, se confermate, darebbero un'idea di cattiva politica, a sfavore dei cittadini, dall'assemblea del consiglio comunale è scaturito un documento diffuso dal gruppo di opposizione. Nella dichiarazione di voto, il gruppo “Belvedere città futura” interviene sulla proposta della maggioranza di rinvio del Consiglio comunale. Scrivono i consiglieri di opposizione, avvocati: Barbara Ferro Agnese Fiorillo, Eugenio Greco, Daniela Tribuzio, “Noi quali consiglieri del gruppo Belvedere Città futura non possiamo non rilevare che questa maggioranza, in continuità con le ultime giunte, continua ad emanare deliberazioni nulle ed inesistenti, dimostrando perciò la grande e grave superficialità di amministrare l'Ente. Le giunte Granata ci hanno dato più volte prova della loro incapacità di amministrare e comunque di amministrare in modo superficiale e approssimativo. Ultimo esempio, oggi ereditiamo un numero elevatissimo di debiti fuori bilanci, non riconosciuti da quelle amministrazioni nei termini previsti dal Tuel. La nuova amministrazione a guida Cascini non modifica il modus operandi, continuando a emanare atti nulli. Ci riferiamo alla delibera consiliare sul conto consuntivo 2018 dove questa maggioranza fotografa una grave situazione di disavanzo di quasi 19 milioni di euro, ma non propone però, i dovuti correttivi per rientrare dal disavanzo e comunque non ne dichiara, contestualmente, il dissesto finanziario dell’ente”. Proeguono i consiglieri: “Oggi questa maggioranza, continuando nella emanazione di delibere nulle, ha tentato di approvare 58 debiti fuori bilancio per euro 4.961.297,10 mediante la presentazione di un’unica delibera, al solo fine di impedire al consiglio l'esame, la discussione e l'eventuale approvazione di ogni singolo debito. Grazie alle nostre indicazioni, suggerite informalmente nei corridoi del comune, questa volta ammettete l'ennesimo errore e chiedete il rinvio del punto all'ordine del giorno. Dunque se un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova. In continuità con le amministrazioni Granata avete dimostrato – concludono - già nei primi cento giorni tutta la vostra incapacità di amministrare il Comune di Belvedere Marittimo. Pertanto, assumetevi le vostre responsabilità rassegnando le vostre dimissioni”.

178 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)