Belvedere, l'opposizione incalza il sindaco sull'esclusione dai buoni spesa e sul "caso” positivo

BELVEDERE – 24 apr. 20 - Avevano chiesto l'istituzione di un tavolo di lavoro per affrontare l'emergenza insieme, collaborando, ognuno dalla propria posizione politica; non ricevendo risposta, da un po' di tempo stanno utilizzando il sistema delle “interrogazioni” dirette o indirette per ottenere risposte sull'attività dell'amministrazione. E così, l'opposizione ritorna su tematiche già note, sollevando ulteriori questioni. In pratica si riapre il capitolo dei buoni famiglia, e quello dei tamponi. Il consigliere comunale del gruppo “Belvedere città futura”, Eugenio Greco interviene sulla presunta “esclusione” di alcune famiglie dai buoni spesa. Greco scrive alla responsabile dei servizi sociali, Daniela Arnone, e invita l’Amministrazione comunale a riconsiderare le esclusioni utilizzando le somme residue. “Dalla lettura dell'elenco delle famiglie beneficiarie dei buoni spesa pubblicato sul protocollo online, risultano ben 14 famiglie escluse dal beneficio per aver presentato la domanda oltre il termine fissato. Considerando che il sindaco di Belvedere ci ha comunicato che è residuato un importo di 700 euro, e che è stato raccolto un ulteriore importo pari a 9.500 euro di donazioni sul conto corrente dedicato del Comune, invito a voler riconsiderare le esclusioni e a voler utilizzare parte di dette somme per soddisfare le richieste avanzate dalle famiglie escluse dai benefici sempre previa verifica di tutti gli altri requisiti richiesti”. Il gruppo di opposizione “Belvedere città futura”, ha poi riaperto la questione relativa al “primo caso accertato di coronavirus”. In una lettera, inviata al sindaco Cascini si riferisce di aver ricevuto da numerosi cittadini richieste di informazioni. “Chiediamo – si legge nella breve comunicazione - se sono stati effettuati ulteriori tamponi ai familiari e alle persone venute in contatto diretto con la persona risultata positiva. Nel caso di risposta affermativa chiediamo di conoscere il numero di ulteriori tamponi effettuati e il risultato degli stessi”. Nei giorni scorsi, il sindaco Vincenzo Cascini scriveva: “E' vero che si tratta di un caso isolato, ma per le modalità con cui si presenta la situazione, c'è il fondato timore di possibili contatti. L'infermiere sarebbe stato visto in diversi reparti dell'ospedale di Cetraro ed anche in giro per Belvedere”, quindi secondo il sindaco di Belvedere Marittimo: “ad alto rischio di contatto sociale. Si tratta, al momento, di un caso isolato che desta però seria preoccupazione per la popolazione, proprio per l'attività svolta dal malcapitato, che lo ha portato ad avere contatti sociali, anche al di fuori del lavoro ospedaliero perché, a suo dire, in assenza di sintomi”.

466 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)