Allerta meteo: per l'opposizione l'ordinanza 'chiusura scuole' è tardiva. Proteste dei genitori

L'amministrazione comunale non doveva attendere questa mattina per diramare un'ordinanza su un'allerta meteo comparsa già da ieri


Il sottopasso pieno d'acqua, ieri pomeriggio


PRAIA A MARE - 17 nov. 22 - Un'ordinanza di chiusura scuole tardiva. é quanto sostiene il gruppo di opposizione in una nota diffusa questa mattina.

Il sindaco De Lorenzo, visto l'avviso della Regione Calabria, si legge nell'ordinanza, ha disposto: “La chiusura delle scuole cittadine pubbliche e private di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido, per il giorno 17.11.2022, nonché per l'effettuazione da parte di tutti i soggetti interessati alla sicurezza degli edifici scolastici, delle opportune verifiche dei luoghi interni ed esterni degli stessi edifici, al fine di assicurare la permanenza delle condizioni di sicurezza per l'esercizio dell'attività scolastica”.



L'INTERVENTO DELL'OPPOSIZIONE "AMARE PRAIA"

Scrivono in una nota Anna Maiorana, Carmela Filippelli, Angelo De Presbiteris e Tommaso Morelli: "L'amministrazione comunale di Praia a Mare non doveva aspettare le 8 di questa mattina per informare le scuole del paese della propria volontà di emanare un'ordinanza di chiusura causa maltempo.La gravità delle condizioni meteo erano note già da ieri, quando la Protezione Civile della Calabria (il cui comunicato ufficiale) ha diramato l'allerta meteo arancione sulla Calabria Tirrenica settentrionale. La superficialità dell'amministrazione De Lorenzo - scrivono dall'opposizione - nel valutare tempi e modi d'intervento ha causato notevoli disagi ad alunni e famiglie.



Molti genitori degli studenti residenti in paese sono venuti a conoscenza della decisione del comune una volta giunti con i figli davanti ai cancelli dei plessi scolastici.

Peggio è andata agli alunni fuorisede arrivati a Praia in treno ed in pullman completamente all'oscuro della situazione. Ci auguriamo che l'amministrazione comunale abbia quantomeno previsto delle corse sostitutive per consentire agli studenti di rientrare nei paesi di provenienza.

Le famiglie di questi ragazzi sulle pagine Facebook e sulle chat scuola-famiglia stanno giustamente esprimendo la loro rabbia e il loro grande disappunto per il modo in cui ha operato l'Amministrazione comunale. Anche in questa circostanza - concludono i consiglieri di opposizione - il sindaco ha dimostrato la propria scarsa capacità di gestire una circostanza contingente, benché la possibilità di piogge intense e temporali fosse stata preannunciata dall'allerta meteo della Protezione Civile".